Anziani rapinati con l’ipnosi: sei arresti tra Palermo e Messina

Stando alle indagini, le vittime percepivano un intenso “profumo” che, unito ad altre tecniche di manipolazione ipnotica, li conduceva in stato confusionale

Rapine con ipnosi, aventi per vittime soprattutto persone anziane: eseguita dai Carabinieri, a Messina e a Palermo, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di sei persone. Il provvedimento è stato emesso dal Gip del Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto, su richiesta della Procura. L’accusa nei confronti degli arrestati è, a vario titolo, di rapina aggravata in concorso mediante l’ipnosi delle vittime. La banda avrebbe avuto come base il capoluogo siciliano.

Stando alle indagini, le numerose vittime sarebbero state avvicinate dagli indagati con il pretesto di una finta compravendita di gioielli, per poi essere indotte, attraverso un intenso “profumo” unito ad altre tecniche di manipolazione ipnotica, in stato confusionale e così persuasi a recarsi nelle proprie abitazioni o nei propri istituti di credito per procurarsi il denaro da consegnare ai malfattori. Da qui il nome dell’operazione, denominata “Hypnose”.