Ippodromo di Palermo, il Comune pensa ad affidare la gestione in via temporanea in attesa del bando

Il Comune di Palermo vuole mantenere l’ippodromo in città e sta pensando all’affidamento temporaneo della gestione dell’impianto sportivo in attesa di determinare una procedura di gara con l’emanazione di un bando. Tutto questo è scritto nero su bianco nella nota inviata dalla Ragioneria generale di Palazzo delle Aquile al Ministero delle Politiche agricole. “Nelle more della definizione della procedura di evidenza pubblica, mediante la pubblicazione di bando – si legge nel documento – si comunica che è allo studio la possibilità di affidamento temporaneo per la gestione dello stesso”.

Sulla vicenda arriva il commento della Slc Cgil: “Dopo oltre 220 giorni di chiusura dell’attività e dopo i recenti licenziamenti dei lavoratori della IRES, attualmente in NASPI – si legge nella nota del sindacato – registriamo un passo in avanti verso la riapertura della struttura, per la quale la Slc Cgil ha richiesto recentemente un incontro al Comune. La priorità della Slc Cgil Palermo – sottolineano dall’organizzazione sindacale – rimane la continuità occupazionale, con un bando di gara che preveda l’applicazione di una clausola sociale per i lavoratori (come già avvenuto in casi simili nel settore) e la ripresa delle attività dell’Ippodromo di Palermo, con le sue grandi potenzialità e nel pieno rispetto della legalità, della trasparenza e dello sport”.