Visita del Papa a Palermo, la Curia denuncia falsi venditori di pass non autorizzati

La segnalazione del tentativo di truffa è giunta da parte di alcuni fedeli che hanno allertato la segreteria organizzativa in Curia

Il 15 settembre, giorno della visita di Papa Francesco a Palermo si avvicina ma è allarme per la vendita di pass non autorizzati per assistere alla messa del Santo Padre che si terrà al Foro Italico in occasione del XXV anniversario del martirio del beato padre Pino Puglisi.

La Curia cittadina, infatti, ha denunciato il fatto alle autorità competenti. La segnalazione del tentativo di truffa è giunta da parte di alcuni fedeli che hanno allertato la segretaria organizzativa che cura l’importante evento.

“I pass di accesso al prato del Foro Italico – precisano gli organizzatori – sono assolutamente gratuiti, come è già stato pubblicato sul sito ufficiale dell’evento come anche su quello dell’Arcidiocesi. I permessi saranno distribuiti dalla segreteria organizzativa, secondo i criteri che saranno comunicati tramite i canali ufficiali dell’Arcidiocesi”.

Non si tratta di un episodio isolato: nei giorni scorsi, è stato lanciato su alcuni social una campagna di raccolta fondi con l’indicazione dell’iban di un conto corrente del tutto estraneo all’Arcidiocesi di Palermo, per una raccolta in favore di presunti lavori di sistemazione della chiesa di San Gaetano a Brancaccio, dove il beato Puglisi, operò fino alla morte, per mano mafiosa.

Anche in questo caso la Curia ha prontamente smentito il fatto, ed ha invitato i fedeli ad adoperare la necessaria prudenza e cautela, segnalando ogni tentativo di truffa alle autorità competenti.

“Eventuali donazioni – spiegano gli organizzatori – possono essere effettuate tramite il sito ufficiale dell’evento: www.papafrancescoapalermo.it o recandosi personalmente presso gli uffici della Curia”.