Partinico, la polizia ferma un uomo per l’omicidio di Nicolò Bifara. Il movente sarebbe passionale

Nella tarda serata di ieri, la polizia, a conclusione di serrata attività di indagine, ha tratto in arresto Leonardo Celestre, di anni 50, in esecuzione di provvedimento di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura della Repubblica di Palermo per omicidio ai danni di Nicolò Bifara, 46 anni.

Secondo quanto emerso dalle indagini avviate a seguito della segnalazione di un amico del Bifara che ha assistito alla dinamica delittuosa, Celestre ha raggiunto la vittima in Contrada Margi, dove Bifara si trovava con  l’amico per dare cibo a un cavallo di sua proprietà, esplodendo verso di lui diversi colpi di pistola. Il testimone oculare dell’accaduto ha quindi raggiunto il Commissariato di Partinico per dare l’allarme.

Sono così scattate le immediate ricerche dell’uomo, che è stato rintracciato dagli agenti poco distante dal luogo dell’omicidio e condotto in Commissariato.

L’attività di indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Palermo, ha sin ad ora evidenziato che a fondamento dell’omicidio vi sarebbe il risentimento covato da Celestre nei confronti della vittima, per via di una relazione che Bifara avrebbe intrattenuto con la moglie dell’assassino.

Il Celestre, che ha agito con un’arma rinvenuta dagli agenti del Commissariato, è stato associato alla Casa di Reclusione “Pagliarelli” a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.