Violenza su una quattordicenne, ai domiciliari tre minorenni

L’episodio, avvenuto a Corleone, risale al periodo di carnevale; le numerose testimonianze e l’acquisizione dei tabulati telefonici degli indagati nonché la geolocalizzazione decisive per le indagini coordinate dal sostituto procuratore Gaetano Guardì

L’accusa è pesantissima: avrebbero violentato in gruppo una ragazza quattordicenne. Per questo, tre ragazzi minorenni, un diciassettenne e due quindicenni, sono stati sottoposti alla misura cautelare della permanenza in casa, disposta dal tribunale per i minorenni di Palermo. Ad eseguire il provvedimento ed a svolgere le indagini sono i poliziotti della sezione di Polizia giudiziaria presso il tribunale per i minorenni.

Il fatto risale al periodo delle celebrazioni del carnevale ed è avvenuto a Corleone. I tre arrestati avrebbero raggiunto un luogo appartato e periferico del comune insieme alla vittima che si sarebbe unita alla comitiva di conoscenti. Poi la violenza. A salvarla dalla violenza del “branco” altri due ragazzi, il cui arrivo è bastato per mettere in fuga i responsabili.

Solo dopo qualche giorno, la quattordicenne ha trovato la forza, grazie al conforto dei suoi amici, di raccontare tutto ai genitori. Sono poi scattate le indagini coordinate dal sostituto procuratore Gaetano Guardì.

Grazie alle numerose testimonianze incrociate di vittima e testimoni, nonché all’acquisizione dei tabulati telefonici degli indagati ed alla geolocalizzazione, gli agenti sono riusciti ad individuare i tre minorenni, incensurati e residenti nel comune dove si è consumata la violenza. Nei loro confronti sono stati disposti i domiciliari.

Edoardo Ullo

Direttore editoriale