Quando la mafietta è più forte della mafia – VIDEO

In Sicilia c’è una forza malavitosa che è più forte della mafia. È triste ammetterlo, ma siamo riusciti a generare un altro fenomeno delinquenziale che ad oggi non conosce antidoti. Si tratta di clan che agiscono ad ogni latitudine dell’isola, i clan dei piromani. Per quanto, in realtà, il termine sia assolutamente improprio, perché la piromania include in sé una patologia sconosciuta a questi delinquenti che bruciano boschi e montagne per puro lucro e mera convenienza, senza alcuna mania ossessiva per il fuoco.

Sono delinquenti, non malati e con i piromani non hanno analogia alcuna. Delinquenti che agiscono in associazione e per interessi precisi. Se la mafia qualche pentito tra le sue fila lo ha avuto, a nostra memoria non c’è mai stato un reo confesso che ha smascherato i veri interessi di chi, per proprio vantaggio, non esita a ordinare la distruzione sistematica del patrimonio boschivo siciliano, creando un danno incalcolabile all’ambiente.

Molti sostengono che si tratta di una guerra persa, come quella contro gli hacker la cui esistenza è utile a chi vende sistemi di protezione. L’equazione sarebbe: io distruggo affinché tu (Regione Siciliana) sia costretta ad incrementare la vigilanza. Un teorema tutto da dimostrare, anche se il ragionamento fila. E poi c’è chi brucia per ragioni di pascolo, fenomeno antico e di identica rilevanza. Tempi e tecnica sono sempre uguali: si attende il clima ideale, il vento giusto, la vigilia di un giorno festivo affinché il fuoco si propaghi in fretta e più ostica sia ogni operazione di contrasto. Ieri è toccata ancora una volta alla zona compresa tra Casteldaccia e Altavilla Milicia, dove il fuoco per più di un’intera giornata ha portato devastazione e paura. Residenti e turisti in fuga, proprio come due anni fa quando gli alberghi della costa furono costretti a procedere all’evacuazione.

Dicono sia difficile prendere questi farabutti perché agiscono in piccoli gruppi e, al contrario della mafia vera, non sono strutturati. Non è mafia, ma per estremo paradosso è un fenomeno più difficile da contrastare.

Un comportamento da mafietta, da chi usa violenza ai danni della collettività per interessi individuali. E non fatevi fregare dal diminutivo, perché la mafietta è dentro la testa e come tale è un atteggiamento complicato da estirpare. È una mafia di serie B verso la quale, tuttavia, bisognerebbe concentrare una maggiore attenzione e che dal punto di vista repressivo meriterebbe un trattamento da serie A. Magari cominciando a stringere il cerchio attorno a quegli ambienti che potrebbero ricavare utilità dal ripetersi degli incendi. E al primo che si riesce a catturare si spalanchino le porte della galera, nel regime più restrittivo, concedendogli il rango di mafioso. E poi si butti via la chiave.


Di seguito il video dell’incendio divampato ieri nella zona tra Casteldaccia e Altavilla Milicia

Un inferno di fuoco e fiamme nella montagna sopra San Michele Sperone e Cala Sciabica ad Altavilla milicia

Pubblicato da Il Gazzettino di Sicilia su Domenica 22 luglio 2018