Consulta, no a elezione diretta nelle ex province. Sì nelle Città Metropolitane, se si suddividono i capoluoghi in comuni autonomi

Musumeci: “Cancellato l’articolo 15 del nostro Statuto”. La Consulta: per l’elezione diretta occorre prima suddividere in comuni le città di Palermo, Catania e Messina

Annullate le norme regionali che avevano reintrodotto l’elezione diretta degli organi amministrativi delle ex province. La “legge Delrio” che ha riformato gli enti locali di “area vasta”, si applica anche in Sicilia, nonostante il suo Statuto speciale. Lo ha stabilito la Corte costituzionale con la sentenza 168 del 4 luglio 2018, depositata ieri. La Consulta ha deciso, anche prendendo come riferimento precedenti sentenze, che “le disposizioni sulla elezione indiretta degli organi territoriali, contenute nella legge n. 56 del 2014, si qualificano, dunque, come «norme fondamentali delle riforme economico-sociali, che, in base all’art. 14 dello statuto speciale per la regione siciliana, costituiscono un limite anche all’esercizio delle competenze legislative di tipo esclusivo» (sentenza n. 153 del 1995; nello stesso senso sentenza n. 265 del 2013)”.

“La sentenza della Corte costituzionale – al di là del marginale aspetto delle Province – suona ad offesa della dignità del popolo siciliano e della sua plurisecolare vocazione autonomistica”, ha dichiarato il presidente della Regione Nello Musumeci. “L’avere di fatto cancellato, con un colpo di spugna, l’articolo 15 del nostro Statuto che riserva alla «legislazione esclusiva della Regione la materia di organizzazione e controllo degli enti locali» denuncia il malcelato e progressivo tentativo romano di smantellare l’Istituto autonomistico. A questo punto noi siciliani siamo chiamati a prendere una decisione non più rinviabile: o rinunciamo definitivamente alla nostra Autonomia, accettando il cinismo dello Stato accentratore, o ricorriamo alla magistratura sovranazionale nell’ultimo tentativo di difendere la nostra stessa identità. Per questo, ho concordato col presidente del Parlamento siciliano la convocazione di un’apposita seduta d’Aula per raccogliere la condivisione di tutti i deputati”.

“La sentenza fa finalmente chiarezza dopo 5 anni di delirante stato di confusione legislativa ed amministrativa che ha messo in ginocchio gli enti di area vasta”, ha commentato il presidente dell’Anci Sicilia Leoluca Orlando. “È ora necessario superare il quadro finanziario determinato dall’accordo disastroso sottoscritto dagli ex presidenti della Regione e dei Ministri e definire un assetto che riconosca all’ente intermedio siciliano un adeguato ruolo istituzionale e conseguenti funzioni”.

“La riforma delle ex province siciliane è andata a schiantarsi contro il muro della costituzionalità. Morale i siciliani hanno perso tempo e soldi”. Lo dichiarano i deputati del Movimento 5 Stelle all’Ars Valentina Zafarana, Giancarlo Cancelleri e Salvatore Siragusa. “Per fare funzionare le ex province e gli importanti servizi che queste gestivano, bisognava mettervi dentro le risorse, non le poltrone”.

Ma nelle Città Metropolitane l’elezione diretta di sindaco e consigli resta comunque possibile. Nella sentenza vengono anche espressamente richiamate le condizioni necessarie. “L’elezione diretta deve essere prevista «dallo statuto della città metropolitana»; può attuarsi con il sistema elettorale da determinarsi «con legge statale»; presuppone, inoltre, la previa articolazione del territorio del Comune capoluogo in più Comuni, su proposta del Comune capoluogo, con deliberazione del consiglio comunale, da sottoporre a referendum tra tutti i cittadini della Città metropolitana”.

Emerge quindi un’altro tema importante: se si vuole eleggere direttamente in Sicilia il sindaco e il consiglio delle città metropolitane di Palermo, Catania e Messina, occorre prima suddividere i tre comuni capoluoghi in municipalità che non siano semplici circoscrizioni, ma abbiano status e funzioni di comune, a tutti gli effetti.

L’articolazione in più comuni, prevista dalla legge Delrio, resta quindi il prossimo passo per la riorganizzazione dell’amministrazione dei capoluoghi delle tre città metropolitane, dove il decentramento nelle attuali circoscrizioni è assolutamente inadeguato alla gestione delle tante criticità urbanistiche degli attuali territori comunali.

Problemi come pulizia e rifiuti, traffico, manutenzione stradale e tanti altri temi dolenti hanno bisogno di poteri decisori in grado di intervenire direttamente e con efficacia, cosa che le attuali amministrazioni comunali delle tre maggiori città siciliane dimostrano largamente di non saper fare.

Musumeci su sentenza province

🔴 La decisione della Corte Costituzionale sulle province è solo l’ultimo segnale della volontà di svuotare l’Autonomia siciliana. Per questo ho concordato con il presidente del Parlamento, Gianfranco Miccichè, di dedicare un’apposita seduta per affrontare la questione vera posta dalla sentenza: difendere la nostra Autonomia o accettare che venga mortificata. Io faró tutto ciò che sarà possibile per difendere i diritti del Popolo siciliano! 💪🏻💪🏻💪🏻#Sicilia #statutosiciliano #governoMusumeci

Pubblicato da Nello Musumeci su Venerdì 20 luglio 2018

Rosario Mingoia

Mingoia eletto segretario generale in Uilca Unicredit Banca

Rosario Mingoia, giovane dirigente sindacale siciliano della Uilca, originario di Mussomeli (Cl), è stato eletto segretario generale della Uilca Unicredit Banca e segretario generale aggiunto del coordinamento in Unicredit Group, a conclusione dell'assemblea congressuale della Uilca, gruppo Unicredit, svoltasi a ...
Leggi Tutto
Comune di Palermo

Cisl su precari Comune di Palermo, stabilizzazione solo annunciata, nessuna certezza per i lavoratori

“In un contesto normativo e politico che favorisce finalmente l’uscita definitiva del precariato - affermano Lo Gelfo e Chiaramonte per la Cisl - si continua a rimandare la soluzione del problema”. “L’unica certezza è che l’amministrazione concederà la proroga a ...
Leggi Tutto
Marianna Caronia ed Ernesto Basile

Museo Basile e Liberty. ARS approva primi fondi per progettazione

Acquista concretezza l'idea di realizzare a Palermo un museo del Liberty e dell'opera di Ernesto Basile. Con un emendamento approvato questa notte dalla commissione bilancio su proposta di Marianna Caronia è stato infatti stanziata la somma di 45000 euro per ...
Leggi Tutto
Gaetano Armao

Comuni in dissesto, Armao: “La Regione ha creato un Fondo di 20 milioni. Ora serve l’intervento dello Stato per evitare il default”

“La Regione Siciliana ha fatto e sta facendo la propria parte, con la creazione di un apposito Fondo che mobilita venti milioni di euro a favore dei Comuni in dissesto”. Lo ha detto il vicepresidente della Regione siciliana e assessore ...
Leggi Tutto

Dario Fidora

Direttore editoriale