Il massacro di Srebrenica e la voce del dj sparito insieme a ottomila persone

Fu più o meno in questo periodo.
Entrarono in quella cittadina e decisero arbitrariamente che chi andava protetto e accolto, non dovesse più esserlo. Decisero che un posto, dove prima si poteva stare tranquilli, diventasse una grande tomba a cielo aperto.

Successe anche che un dj, Nino Catic, raccontasse nel frattempo tutto questo. Raccontava di soldati che erano entrati in città, che separavano le donne dai bambini e i vecchi. E poi portavano via gli uomini. Successe che lo fecero anche di fronte alle telecamere. Ma rassicuravano chi riprendeva che non sarebbe stato fatto nulla. “Solo domande”, dicevano.

E picchiavano. Quando non visti. Nino lo raccontava, lasciando appelli sempre più disperati. Venite, diceva. Siamo allo stremo, urlava.
Fuori c’erano i caschi blu, che avevano messo tanto filo spinato. Mamma mia quanto filo spinato che c’era. E se qualcuno usciva dalla città per sbaglio o per fuga, lo bloccavano. Torna indietro gli dicevano. Così dicevano i Caschi Blu dell’ONU. Olandesi.

E le grida di chi doveva essere protetto scemarono sempre di più.
E le richieste di aiuto si ovattarono. E le persone non furono più trovate. Sparite. Se non fosse stato tragico, sarebbe stato un bel gioco di magia. Più di ottomila persone. E ancora non se ne trovano.
E anche Nino smise di parlare. Tranne che in un vecchio nastro che la madre ha ascoltato fino a consumarlo.

Era il luglio del 1995. Le forze militari della Repubblica serba di Bosnia, decidono di entrare a Srebrenica. Una città dove si lavorava metallo e si facevano le terme. Una enclave musulmana. Entrarono e uccisero, separarono, torturarono. E il mondo voltò la testa dall’altra parte. Ci sembrerà che ci siano analogie con quello che succede adesso. Però lì non c’era il mare. Oppure con l’indifferenza a pochi metri da noi. Però lì era ex Jugoslavia.
Ci sembrerà che nelle grida di aiuto ci sia la stessa disperazione, di chi affonda o fugge. Ci sembrerà.
E forse sarà così. Ma il tempo passa e la loro voce, come quella di Nino, sarà sempre più sbiadita. La storia cancella tutto. Perfino la voce.

massacro di Srebrenica

Rosario Mingoia

Mingoia eletto segretario generale in Uilca Unicredit Banca

Rosario Mingoia, giovane dirigente sindacale siciliano della Uilca, originario di Mussomeli (Cl), è stato eletto segretario generale della Uilca Unicredit Banca e segretario generale aggiunto del coordinamento in Unicredit Group, a conclusione dell'assemblea congressuale della Uilca, gruppo Unicredit, svoltasi a ...
Leggi Tutto
Comune di Palermo

Cisl su precari Comune di Palermo, stabilizzazione solo annunciata, nessuna certezza per i lavoratori

“In un contesto normativo e politico che favorisce finalmente l’uscita definitiva del precariato - affermano Lo Gelfo e Chiaramonte per la Cisl - si continua a rimandare la soluzione del problema”. “L’unica certezza è che l’amministrazione concederà la proroga a ...
Leggi Tutto
Marianna Caronia ed Ernesto Basile

Museo Basile e Liberty. ARS approva primi fondi per progettazione

Acquista concretezza l'idea di realizzare a Palermo un museo del Liberty e dell'opera di Ernesto Basile. Con un emendamento approvato questa notte dalla commissione bilancio su proposta di Marianna Caronia è stato infatti stanziata la somma di 45000 euro per ...
Leggi Tutto
Gaetano Armao

Comuni in dissesto, Armao: “La Regione ha creato un Fondo di 20 milioni. Ora serve l’intervento dello Stato per evitare il default”

“La Regione Siciliana ha fatto e sta facendo la propria parte, con la creazione di un apposito Fondo che mobilita venti milioni di euro a favore dei Comuni in dissesto”. Lo ha detto il vicepresidente della Regione siciliana e assessore ...
Leggi Tutto