Il massacro di Srebrenica e la voce del dj sparito insieme a ottomila persone

Fu più o meno in questo periodo.
Entrarono in quella cittadina e decisero arbitrariamente che chi andava protetto e accolto, non dovesse più esserlo. Decisero che un posto, dove prima si poteva stare tranquilli, diventasse una grande tomba a cielo aperto.

Successe anche che un dj, Nino Catic, raccontasse nel frattempo tutto questo. Raccontava di soldati che erano entrati in città, che separavano le donne dai bambini e i vecchi. E poi portavano via gli uomini. Successe che lo fecero anche di fronte alle telecamere. Ma rassicuravano chi riprendeva che non sarebbe stato fatto nulla. “Solo domande”, dicevano.

E picchiavano. Quando non visti. Nino lo raccontava, lasciando appelli sempre più disperati. Venite, diceva. Siamo allo stremo, urlava.
Fuori c’erano i caschi blu, che avevano messo tanto filo spinato. Mamma mia quanto filo spinato che c’era. E se qualcuno usciva dalla città per sbaglio o per fuga, lo bloccavano. Torna indietro gli dicevano. Così dicevano i Caschi Blu dell’ONU. Olandesi.

E le grida di chi doveva essere protetto scemarono sempre di più.
E le richieste di aiuto si ovattarono. E le persone non furono più trovate. Sparite. Se non fosse stato tragico, sarebbe stato un bel gioco di magia. Più di ottomila persone. E ancora non se ne trovano.
E anche Nino smise di parlare. Tranne che in un vecchio nastro che la madre ha ascoltato fino a consumarlo.

Era il luglio del 1995. Le forze militari della Repubblica serba di Bosnia, decidono di entrare a Srebrenica. Una città dove si lavorava metallo e si facevano le terme. Una enclave musulmana. Entrarono e uccisero, separarono, torturarono. E il mondo voltò la testa dall’altra parte. Ci sembrerà che ci siano analogie con quello che succede adesso. Però lì non c’era il mare. Oppure con l’indifferenza a pochi metri da noi. Però lì era ex Jugoslavia.
Ci sembrerà che nelle grida di aiuto ci sia la stessa disperazione, di chi affonda o fugge. Ci sembrerà.
E forse sarà così. Ma il tempo passa e la loro voce, come quella di Nino, sarà sempre più sbiadita. La storia cancella tutto. Perfino la voce.

massacro di Srebrenica

squalo torturato e ucciso

VIDEO – Inutile crudeltà contro uno squalo, la denuncia di Mareamico, Wwf e Marevivo

Qualche giorno fa, lo scorso 14 agosto, la stampa ha segnalato la presenza di uno squalo a pochi metri dalla riva presso una spiaggia di Sciacca in località Tonnara. Successivamente si è saputo che lo squalo era stato allontanato ed ...
Leggi Tutto
Mario Basile, Cisl FP

Cisl Fp su minacce sindaco San Giuseppe Jato: “Atto gravissimo, che fa tornare indietro a un brutto passato”

"Le minacce al sindaco di San Giuseppe Jato, Rosario Agostaro, rappresentano un atto gravissimo che riporta indietro a un brutto passato". Lo afferma Mario Basile, responsabile del dipartimento area contrattuale Funzioni locali della Cisl Fp Palermo Trapani, che esprime piena ...
Leggi Tutto
Piloni viadotto Morandi, Agrigento

Viadotto Morandi Akragas, sindaco di Agrigento convoca riunione su ipotesi demolizione

L’ipotesi di procedere alla demolizione del viadotto Akragas sulla strada statale che collega il capoluogo agrigentino con Porto Empedocle sarà discussa il prossimo 7 settembre in una riunione convocata dal sindaco di Agrigento Calogero Firetto. Il viadotto fu costruito su ...
Leggi Tutto
Rita Borsellino

Il cordoglio per la scomparsa di Rita Borsellino. Orlando: “Ha trasformato la sua tragedia in impegno civile”

“Provo grandissimo dolore per la scomparsa di Rita Borsellino, che con la sua dolce determinazione ha combattuto tante battaglie non solo di legalità e civiltà nella nostra Isola e nel nostro Paese”. Leoluca Orlando rende così omaggio alla sorella del ...
Leggi Tutto