Villa Sperlinga, vasca riempita d’acqua ma sono sparite alcune tartarughe

È stata riempita nuovamente questa mattina la vasca di Villa Sperlinga che ieri era stata svuotata per alcuni lavori, lasciando poca acqua per i pesci e le tartarughe. Una scena straziante quella a cui ieri hanno dovuto assistere i bambini, arrivati come ogni giorno in villa anche per vedere gli animali, con alcuni pesci morti e le tartarughe agonizzanti nel terreno incandescente (qui il video e le foto di ieri).

Villa Sperlinga vasca riempita
Villa Sperlinga, la vasca ieri notte

Già ieri sera, grazie alle numerose segnalazioni giunte al Comune da parte di cittadini e associazioni animaliste, un’autobotte era giunta a Villa Sperlinga per riempire parzialmente la vasca che era stata lasciata con pochissima acqua. Un intervento insufficiente anche solo a portare a livello tutta la vasca, come si vede anche dalla foto scattata ieri notte dalla responsabile delegata dell’Oipa Palermo Veronica Anastasio, ma che è servito a far sopravvivere i pesci fino all’arrivo degli altri mezzi di stamattina.

L’intervento ha messo in salvo gli animali, ma non tutti sarebbero ancora nella villa. Secondo alcuni residenti, molte delle tartarughe presenti sono adesso sparite. Dovevano essere 12, ne sarebbero rimaste solo 4. Non si conosce il destino delle altre, se si sono allontanate per cercare refrigerio o se sono state prelevate da qualcuno, visto che era facile accedere alle vasche senza sporcarsi. La speranza è che siano state solamente prese per salvarle e che vengano riportate al loro posto per la gioia dei bambini che visitano la villa ogni giorno.

Resta da capire la scelta di compiere i lavori in un modo che non ha tenuto conto della salute degli animali. Una domanda che ha posto ieri anche il consigliere comunale del M5S Antonino Randazzo e che l’Organizzazione internazionale protezione animali potrebbe girare direttamente al Comune, alla ricerca di un responsabile di quanto accaduto.

Arafet, cittadino italiano di origine tunisina morto ad Empoli

Arafet. Usb su morte del trentenne di origine tunisina durante un controllo di Polizia a Empoli

Arafet Arfaoui è morto d’infarto dopo essere stato fermato dalla Polizia, intervenuta in seguito all’alterco per un biglietto da 20 euro ritenuto falso con il proprietario di un money transfer, dove si era recato per inviare dei soldi alla sua ...
Leggi Tutto
Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto