Teatro Massimo, Oscar Pizzo non è più direttore artistico. M5s: “Preoccupante”

Il maestro Oscar Pizzo non è più direttore artistico della Fondazione Teatro Massimo. “Si apre così una nuova fase – recita il comunicato della Fondazone – nella vita del Teatro che, dopo un quadriennio segnato da importanti risultati, si prepara a cambiamenti di rilievo e a un diverso assestamento della sua struttura”.

Preoccupazione sulla questione viene espressa dai parlamentari nazionali del M5S eletti nei collegi di Palermo: “Il maestro Oscar Pizzo è stato licenziato, non sarà più direttore artistico. Ci risulta che finanziatori, registi e altri stakeholder del Teatro Massimo di Palermo già nei giorni passati abbiano rappresentato al Soprintendente Giambrone e al sindaco Orlando pesanti preoccupazioni per l’allontanamento di una figura che in quattro anni ha contribuito al rilancio artistico internazionale e cittadino del ‘Massimo’”. A dichiararlo sono Adriano Varrica, Steni Di Piazza, Roberta Alaimo, Valentina D’Orso, Aldo Penna e Giorgio Trizzino.

“Temiamo che gli interessanti e innovativi progetti artistici su cui Pizzo stava lavorando per il Teatro, e che stavamo monitorando a livello nazionale da diversi mesi nell’ambito della riforma del F.U.S. per valorizzare questo genere di esperienze – spiegano i portavoce M5S – stiano subendo un brusco stop. Giambrone ha affermato che il Teatro con questo licenziamento si prepara a cambiamenti di rilievo e ad un diverso assestamento della sua struttura, ma questo significa che il Soprintendente si assumerà interamente la responsabilità delle conseguenze per il Teatro e la città. Il MoVimento 5 Stelle monitorerà con attenzione gli sviluppi, aggiornando il Ministro che tra meno di un anno dovrà nominare il nuovo soprintendente”.