Brancaccio, minacce al centro Padre nostro, solidarietà dal sindaco Palermo

Solidarietà al Centro Padre Nostro e agli abitanti di Brancaccio, vittime in questi giorni di intimidazioni e minacce è stata espressa dal sindaco Leoluca Orlando che si è recato nella struttura e ha incontrato i volontari e le volontarie che quotidianamente lavorano per l’inclusione sociale e i diritti delle persone.

“In continuità con l’opera di padre Pino Puglisi, l’illegalità e la mafia si contrastano nel quotidiano, con l’impegno sociale a favore della comunità e di chi ha più bisogno – dice Orlando – L’amministrazione è impegnata insieme alle altre Istituzioni in un progetto complessivo per Brancaccio e con gli abitanti di Brancaccio: l’asilo, la piazza, Maredolce dentro il percorso Unesco arabo normanno, perché lo sviluppo del territorio osteggia la mafia e rende liberi. Anche Brancaccio fa parte del grande cambio culturale della nostra città”.

Per l’assessore alla Cittadinanza sociale, Giuseppe Mattina, “i servizi sociali di territorio e per il contrasto alla povertà saranno potenziati perché anche con la consapevolezza dei diritti e l’impegno sociale quotidiano si combattono l’illegalità e la prepotenza. Siamo e saremo tutti presenti perché nessuno resti isolato e perché continui il lavoro intrapreso”. Dal sindaco e dall’assessore, infine un “grazie a tutti i volontari e operatori del Centro per l’azione che svolgono quotidianamente, punto di riferimento per tutta la comunità del quartiere”.