Terremoto nelle Madonie: tutto previsto già 40 anni fa. Ecco le carte che ne spiegano i motivi

Il terremoto di oggi avvertito nel territorio delle Madonie potrebbe essere un riflesso di un movimento tellurico che ha una matrice lontana e che avrebbe poco di sorprendente per chi conosce bene la conformazione di questi luoghi e degli uomini che ne hanno studiato la sua storia. È di quasi 40 anni fa lo studio del professore Giuseppe Torre, geologo dell’Università di Palermo che, prendendo spunto da precedenti intuizioni scientifiche ma soprattutto da una tesi del professore Ruggieri, asseriva l’esistenza di una faglia terrestre trascorrente che, nei suoi movimenti di riflesso, interessava l’area tra Polizzi e Gangi.

Oggi il figlio, Alessandro Torre, anch’egli geologo e direttore del museo Collisani di Petralia Soprana, rispolvera quelle carte cercando di dare una spiegazione al terremoto che ha creato momenti di paura ma per fortuna nessun danno a persone e cose, come ha confermato il Commissario dell’Ente Parco delle Madonie, Salvatore Caltagirone. “Ho sentito alcuni dei sindaci del comprensorio – dice Caltagirone – in testa Pino Lo Verde, primo cittadino di Polizzi. Fortunatamente nessun problema, ma per ogni emergenza era già stata allertata la protezione civile”.

Si diceva della teoria Ruggieri – Torre, secondo cui una grande faglia attraversa la Sicilia dall’Etna alla zona di Trapani, passando anche per le Madonie. Questo giustificherebbe i non rari movimenti tellurici della zona montana. “Il nostro territorio è zona sismica”, spiega Alessandro Torre. “Tra il 1600 e il 1800 ci sono stati terremoti di grande intensità che si ripetono con una certa frequenza. L’ultimo che si ricorda è quello di 20 anni fa a Pollina, non catastrofico ma sempre di una certa entità. Per questi aspetti nelle Madonie siamo abituati ai tremori della terra e sappiamo che la natura è imprevedibile. L’unica maniera per prevenire grossi danni è potenziare la prevenzione e la reazione al sisma. Bisogna edificare secondo le leggi e sapere cosa fare quando c’è un terremoto. Noi non siamo il Giappone, ma viviamo pur sempre in zone a rischio sismico. Ecco perché bisogna stare molto attenti e non sottovalutare gli avvertimenti che ci manda la natura”.

Terremoto Madonie

terremoto Madonie

lettera a babbo natale

Poste Italiani ai bambini, ancora due giorni per scrivere a Babbo Natale e ricevere una sorpresa

Tutti i bambini che scriveranno la loro letterina riceveranno una sorpresa e l’invito a scaricare un app per giocare con disegni e lettere animate  Anche quest’anno torna la “Posta di Babbo Natale” la tradizionale iniziativa di Poste Italiane dedicata ai ...
Leggi Tutto
Sabrina Figuccia e Leoluca Orlando

Sabrina Figuccia: “Almaviva, il Comune di Palermo mantenga gli impegni con i lavoratori ex Lsu”

"Dopo la grande disponibilità a parole manifestata nella campagna elettorale delle amministrative del 2017, adesso il Comune si tira indietro" "Senza risposta l’appello lanciato da alcuni lavoratori ex Lsu che sono transitati in Almaviva e che adesso, grazie anche alle ...
Leggi Tutto
Rosario Mingoia

Mingoia eletto segretario generale in Uilca Unicredit Banca

Rosario Mingoia, giovane dirigente sindacale siciliano della Uilca, originario di Mussomeli (Cl), è stato eletto segretario generale della Uilca Unicredit Banca e segretario generale aggiunto del coordinamento in Unicredit Group, a conclusione dell'assemblea congressuale della Uilca, gruppo Unicredit, svoltasi a ...
Leggi Tutto
Comune di Palermo

Cisl su precari Comune di Palermo, stabilizzazione solo annunciata, nessuna certezza per i lavoratori

“In un contesto normativo e politico che favorisce finalmente l’uscita definitiva del precariato - affermano Lo Gelfo e Chiaramonte per la Cisl - si continua a rimandare la soluzione del problema”. “L’unica certezza è che l’amministrazione concederà la proroga a ...
Leggi Tutto