Festino, Leo Gullotta tra i protagonisti della 394esima edizione. Ecco il programma

Sarà il popolare attore italiano Leo Gullotta a “raccontare” il 394esimo Festino di Santa Rosalia e a “cucire” i vari momenti del grande spettacolo, allestito sotto la direzione artistica di Lollo Franco e Letizia Battaglia, che come ogni anno si snoderà lungo il percorso che dal Piano di Palazzo Reale porta al Foro Italico.

Leo Gullotta ha accettato il ruolo con grande entusiasmo e sarà uno dei protagonisti principali, insieme a numerosi ospiti internazionali, della nuova edizione del Festino, inserita nel programma di “Palermo Capitale della Cultura 2018”.

Il programma del Festino è stato svelato alla Curia Arcivescovile alla presenza dell’arcivescovo Corrado Lorefice, del sindaco di Palermo Leoluca Orlando, dell’assessore alla Cultura del Comune di Palermo Andrea Cusumano, dei direttori artistici del Festino, Lollo Franco e Letizia Battaglia, e di Vincenzo Montanelli, direttore tecnico della VM Agency Group che si è aggiudicata l’organizzazione dell’intera manifestazione.

Leo Gullotta aprirà il Festino, intorno alle 21.00, dal Piano di Palazzo Reale, accompagnando il pubblico, con la sua capacità recitativa e la sua inconfondibile voce, nella rappresentazione della vita della Santa, Patrona di Palermo. Il primo quadro avrà la coreografia di Luc Bouy e vedrà la partecipazione del Coro delle Voci Bianche della Fondazione “Orchestra sinfonica Siciliana”, con la direzione musicale del maestro Giuseppe Mazzamuto.

Il tema conduttore del 394° Festino è “Palermo Bambina” e da qui nasce l’idea di una rappresentazione della “Santuzza”, nel periodo in cui matura l’abbandono dell’agiatezza a lei riservata, per la consacrazione a Dio.

Il carro, allestito da un team di artiste professioniste, rappresenta un veliero con due alberi e saranno ben visibili i fiori simbolo di Santa Rosalia, rosa e lilium, in un gioco di colori allegro e fiabesco dedicato alla fanciullezza. Al suo fianco, da Palazzo Reale ai Quattro Canti, la Kids Orchestra Band del Teatro Massimo, composta da ragazzi compresi tra gli 8 e i 15 anni.

Fra le straordinarie sorprese della 394esima edizione c’è la presenza di Kitonb Project, compagnia di teatro estremo. Il loro spettacolo davanti alla Cattedrale, accompagnato da Leo Gullotta nei panni del diarista, simboleggerà la peste a Palermo e il miracolo del 1624 con un susseguirsi di effetti speciali che prima creeranno un’atmosfera inquietante per poi dare vita a un’esplosione di liberazione e gioia.

Ancora emozioni ai Quattro Canti dove la compagnia catalana de “La Fura dels Baus”, celebre in tutto il mondo, racconterà la liberazione dalla peste con una performance di particolare suggestione, con effetti scenici e di luce mai visti e con la partecipazione di numerosi artisti “volontari” reclutati in città.

Sempre ai Quattro Canti, come da tradizione, ci sarà l’omaggio floreale del sindaco di Palermo Leoluca Orlando. Il finale, a Porta Felice, sarà gioioso, colorato e ricco di allegria. Non a caso i protagonisti saranno piccoli danzatori con la performance di un “Angelo”, a cura di Kitonb Project. Il carro poi raggiungerà il Foro Italico dove la festa si concluderà con i Giochi d’artificio.

Molto ricco di eventi e di spunti culturali anche il programma della manifestazioni che animeranno la città dal 10 al 13 luglio tra Piazza Pretoria, Piazza Marina, Piazza Bologni, Piazza Monte di Pietà, la Cattedrale e Palazzo Sant’Elia (che ospiterà la mostra fotografica “Per amore di Rosalia”). La formale inaugurazione del 394esimo Festino avverrà a Piazza Pretoria il 10 luglio alle 18.30 con il saluto istituzionale delle autorità, a cui farà seguito il ballo dei “Giganti di Mistretta” e la sfilata che si concluderà davanti alla Cattedrale in onore di Santa Rosalia.

Tra gli spettacoli più importanti per il suo elevato valore sociale c’è “Rosalia è Palermo”, messo in scena il 12 e 13 luglio, alle 21.00, a Piazza Monte di Pietà, dalla Compagnia Teatrale dei detenuti – attori del Carcere Ucciardone, diretta da Lollo Franco, con la partecipazione straordinaria della piccola Marialisa Pagano nel ruolo di Rosalia. Di particolare rilevanza il “Festinello – Il Carro di Santa Rosalia dei bambini”, che sfilerà l’11 luglio alle 18.30 dalla Cattedrale con le piccole “Rosalia” dei 4 Mandamenti (Palazzo Reale, Monte di Pietà, Castellammare e Tribunali) e di alcune comunità straniere residenti in città: Mauritius, Bangladesh, Filippine, Ghana. Il corteo sarà accompagnato dalla Kids Orchestra Band del Teatro Massimo. La ricerca dei testi e la consulenza storica è stata affidata a Ignazio Buttitta.


Foto di copertina: un momento della conferenza stampa di presentazione del Festino di Santa Rosalia

Il Museo del Carretto Siciliano - The Sicilian Cart Museum

Museo del carretto siciliano, entro il 2018 l’inaugurazione a Palazzo Valguarnera-Ganci

Nelle scuderie del prestigioso Palazzo Valguarnera-Ganci, noto al pubblico dei cinefili per la celebre scena del ballo ne “Il Gattopardo” di Luchino Visconti, verrà inaugurato a Palermo entro la fine del 2018 il Museo del carretto siciliano. Simbolo dell’iconografia folcloristica ...
Leggi Tutto
Tutte le facce di Facebook

Tutte le facce di Facebook, un libro da condividere

Dopo la nascita di Facebook, niente è stato più come prima. E noi, come siamo sopravvissuti? Ce lo racconta Riccardo Lo Bue nel suo libro Tutte le facce di Facebook. Giovani e meno giovani, pensionati e studenti, uomini e donne: ...
Leggi Tutto
Carmelo Ferlito

Carmelo Ferlito, tre premi speciali al “Var Talent 18”

Il cantante catanese si è classificato al 4° posto al “VarTalent 18" Festival Canoro d'Italia (6 ottobre - Trento) ma si aggiudica ben tre premi speciali: migliore base, migliore interpretazione e migliore look Carmelo Ferlito, cantante e interprete originario di ...
Leggi Tutto
Piero Guccione

Addio a Piero Guccione, inimitabile pittore del mare

L'uomo che disegnava il mare non c'è più. Piero Guccione, capostipite della scuola di Scicli, è deceduto ieri a Modica e ha portato per sempre con sé quel suo tratto inconfondibile che è il marchio d'artista. Non ci sarà più ...
Leggi Tutto