Mobilità regionali, i sindacati autonomi: marcia indietro sui trasferimenti nelle dighe

Competenze calate anche dalle norme nazionali che hanno bisogno di un contratto adeguato che preveda gli istituti contrattuali che se ne possano occupare”. Questa la rivendicazione più significativa che i sindacati autonomi hanno fatto, oggi, al tavolo di confronto tra Governo regionale rappresentato dall’assessore Bernadette Grasso, Dipartimento acqua e Rifiuti e sindacati. D’altra parte i sindacati autonomi Cobas/Codir, Sadirs, Siad e l’Ugl che rappresentano oltre il 70% del comparto, da anni, hanno chiesto l’istituzione di un tavolo tecnico specifico per il personale delle dighe per affrontare sia il tema della carenza del personale, sia delle mansioni, sia della sicurezza nei luoghi di lavoro; ma su questi temi non c’era stata, sino ad oggi, l’adesione dell’amministrazione regionale.

“Adesso finalmente, anche con una diversa attenzione dell’assessore alla Funzione Pubblica Bernadette Grasso rispetto alla quantomeno affrettata e carente delibera sui trasferimenti del personale nelle dighe, finalmente si mette mano a quanto da noi rivendicato da tempo”.

“Cobas/Codir, Sadirs, Siad e Ugl hanno, inoltre, proposto di andare avanti preliminarmente con procedure di mobilità volontaria incentivata, nonché la già possibile – in base alle normative e al contratto di lavoro vigenti – assegnazioni alle dighe di lavoratori già specializzati nel settore provenienti dall’EAS, dai Consorzi di bonifica e dall’ESA”.

“Si va, quindi, verso una soluzione condivisa tra il governo e i sindacati maggioritari sul tema della mobilità dei dipendenti regionali che nei giorni scorsi era stato utilizzato come una clava contro i lavoratori, in assenza di criteri compatibili con le norme e con il buon senso, in buona parte discendenti da elucubrazioni sui trasferimenti prodotte durante il governo Crocetta non nella direzione del buon andamento e dell’impulso motivazionale ma partorite in chiave demagogica.

All’ordine del giorno oggi c’era anche l’incontro con il dipartimento regionale Ambiente –nei giorni scorsi avevano prodotto una significativa richiesta di personale – che ha però disertato il tavolo di confronto”.

Arafet, cittadino italiano di origine tunisina morto ad Empoli

Arafet. Usb su morte del trentenne di origine tunisina durante un controllo di Polizia a Empoli

Arafet Arfaoui è morto d’infarto dopo essere stato fermato dalla Polizia, intervenuta in seguito all’alterco per un biglietto da 20 euro ritenuto falso con il proprietario di un money transfer, dove si era recato per inviare dei soldi alla sua ...
Leggi Tutto
Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto