Mosaicoon chiude, parla Ugo Parodi Giusino: “Dieci anni nel digitale rappresentano un ciclo importante”

L’annuncio della chiusura di Mosaicoon, l’azienda palermitana leader nel settore dell’innovazione e della pubblicità digitale, non deve rappresentare un fatto negativo, ma uno stimolo per chi vuole fare start up in Sicilia, in Italia e nel mondo, perché un ciclo di dieci anni a questi livelli rappresenta un’esperienza importante dalla quale prendere spunto per analizzare punti di forza e debolezze. È questo, in estrema sintesi, il pensiero di Ugo Parodi Giusino, il fondatore di Mosaicoon.

Partiamo dalla fine: perché Mosaicoon chiude? “Dopo dieci anni di successi e grandi risultati, raggiunti creando un simbolo di innovazione partito dalla Sicilia, è arrivata una fase nel nostro settore, quello della pubblicità online, in cui la concorrenza è diventata enorme e la competizione ci ha creato una difficoltà – spiega il trentaseienne Parodi Giusino – Inoltre, una realtà come la nostra vive anche di finanza, quindi di investimenti, di capitali che servono a fare innovazione e a crescere ulteriormente. Se ti fermi, da questo punto di vista, ovviamente la macchina ne risente un po’”. In sintesi, spiega il ‘papà’ di Mosaicoon, è entrato in gioco “un mix di mercato, capitali e una fase dell’azienda in cui abbiamo fatto un’innovazione con un tipo di aspettative che non sono state del tutto rispettate. Tutto questo ci ha portato a interrompere il percorso”.

Una chiusura che arriva a dieci anni dalla nascita, dunque. In mezzo l’esperienza di una realtà che in Sicilia non ha precedenti. Per farla diventare eccellenza internazionale nel settore dell’innovazione sono serviti impegno e passione da parte di tutti, manager e squadra: “La cosa della quale sono più orgoglioso – dice Parodi Giusino – è sicuramente la tecnologia che in azienda, durante questi anni, abbiamo sviluppato e che ha dimostrato un grande valore su scala internazionale. Per questo c’è voluto anche un grande team che l’ha fatta funzionare: non parliamo di semplici software realizzati da programmatori – spiega -, a certi livelli la tecnologia ha bisogno di una squadra che la renda accessibile e disponibile ai clienti e di tanto altro. La squadra e la tecnologia che abbiamo sviluppato sono le cose delle quali vado decisamente più orgoglioso”. Ma per crescere, è legge di vita, occorre imparare dai propri sbagli. Non ha fatto eccezione Mosaicoon, come racconta Ugo Parodi Giusino: “Sono stati talmente tanti gli errori che dirne uno in particolare è difficile. Ma se fai innovazione è una cosa che devi mettere in conto. Probabilmente – riflette -, in alcune fasi dell’azienda abbiamo sottostimato la complessità di alcuni mercati o di determinate scelte”.

L’esperienza di Mosaicoon, un’azienda nata a Palermo che ha portato il suo modo di fare innovazione a essere riconosciuto in tutto il mondo, resta un’esperienza unica. Fino a oggi, almeno. Si può fare innovazione e Mosaicoon per dieci anni lo ha fatto. Si è ancora abituati a pensare che un’azienda debba durare cento o duecento anni, mentre sul mercato si rimane anche per quattro o cinque. “Dieci anni nel digitale rappresentano un ciclo importante. Purtroppo – chiosa Parodi Giusino – quando si chiude un percorso dispiace molto a tutti. Si è chiaramente fatto il possibile per evitarlo. Resta comunque il valore dell’esperienza”.

Palazzo Sclafani

Le Notti di BCsicilia iniziano con una passeggiata alla scoperta della “Palermo nel Trecento”

L'iniziativa culturale, che vuole valorizzare anche le bellezze ambientali dell’Isola, includerà 50 appuntamenti di ogni genere, dalle visite guidate alle mostre, presentazioni di libri e molto altro; gli eventi si chiuderanno il 3 settembre La "Palermo nel Trecento" sarà il ...
Leggi Tutto
Allarme bocconcini avvelenati per le strade di Palermo: numerose le segnalazioni degli animalisti dopo la strage di cani di Sciacca

“Chi abbandona i cani è dell’Isis”: la gaffe di Iachetti

“Chi abbandona i cani è dell'Isis, è un terrorista”. Enzo Iachetti la tocca piano e nella foga di lanciare il suo messaggio, giusto e opportuno, commette però una clamorosa gaffe. Perché non c'entra nulla il fanatismo religioso con il pur ...
Leggi Tutto
rischio incendi

Allerta incendi in Sicilia: ecco gli hashtag contro i piromani

Oggi in tutta la Sicilia è scatta l'allerta per il rischio incendi. E dai social network arriva la proposta di fare fronte comune contro i piromani per salvare il patrimonio verde della Sicilia ed evitare che come ogni anno, in ...
Leggi Tutto
ezio bosso

Al Teatro di Verdura, Ezio Bosso in concerto dirigerà la Stradivari Festival Chamber Orchestra

L’appuntamento è per domenica 29 luglio; due giorni prima, venerdì il maestro condurrà “Studio Aperto”, un progetto elaborato da Claudio Abbado Conto alla rovescia per il concerto di Ezio Bosso a Palermo. Domenica, 29 luglio, alle 21, al Teatro di ...
Leggi Tutto