Mosaicoon chiude, parla Ugo Parodi Giusino: “Dieci anni nel digitale rappresentano un ciclo importante”

L’annuncio della chiusura di Mosaicoon, l’azienda palermitana leader nel settore dell’innovazione e della pubblicità digitale, non deve rappresentare un fatto negativo, ma uno stimolo per chi vuole fare start up in Sicilia, in Italia e nel mondo, perché un ciclo di dieci anni a questi livelli rappresenta un’esperienza importante dalla quale prendere spunto per analizzare punti di forza e debolezze. È questo, in estrema sintesi, il pensiero di Ugo Parodi Giusino, il fondatore di Mosaicoon.

Partiamo dalla fine: perché Mosaicoon chiude? “Dopo dieci anni di successi e grandi risultati, raggiunti creando un simbolo di innovazione partito dalla Sicilia, è arrivata una fase nel nostro settore, quello della pubblicità online, in cui la concorrenza è diventata enorme e la competizione ci ha creato una difficoltà – spiega il trentaseienne Parodi Giusino – Inoltre, una realtà come la nostra vive anche di finanza, quindi di investimenti, di capitali che servono a fare innovazione e a crescere ulteriormente. Se ti fermi, da questo punto di vista, ovviamente la macchina ne risente un po’”. In sintesi, spiega il ‘papà’ di Mosaicoon, è entrato in gioco “un mix di mercato, capitali e una fase dell’azienda in cui abbiamo fatto un’innovazione con un tipo di aspettative che non sono state del tutto rispettate. Tutto questo ci ha portato a interrompere il percorso”.

Una chiusura che arriva a dieci anni dalla nascita, dunque. In mezzo l’esperienza di una realtà che in Sicilia non ha precedenti. Per farla diventare eccellenza internazionale nel settore dell’innovazione sono serviti impegno e passione da parte di tutti, manager e squadra: “La cosa della quale sono più orgoglioso – dice Parodi Giusino – è sicuramente la tecnologia che in azienda, durante questi anni, abbiamo sviluppato e che ha dimostrato un grande valore su scala internazionale. Per questo c’è voluto anche un grande team che l’ha fatta funzionare: non parliamo di semplici software realizzati da programmatori – spiega -, a certi livelli la tecnologia ha bisogno di una squadra che la renda accessibile e disponibile ai clienti e di tanto altro. La squadra e la tecnologia che abbiamo sviluppato sono le cose delle quali vado decisamente più orgoglioso”. Ma per crescere, è legge di vita, occorre imparare dai propri sbagli. Non ha fatto eccezione Mosaicoon, come racconta Ugo Parodi Giusino: “Sono stati talmente tanti gli errori che dirne uno in particolare è difficile. Ma se fai innovazione è una cosa che devi mettere in conto. Probabilmente – riflette -, in alcune fasi dell’azienda abbiamo sottostimato la complessità di alcuni mercati o di determinate scelte”.

L’esperienza di Mosaicoon, un’azienda nata a Palermo che ha portato il suo modo di fare innovazione a essere riconosciuto in tutto il mondo, resta un’esperienza unica. Fino a oggi, almeno. Si può fare innovazione e Mosaicoon per dieci anni lo ha fatto. Si è ancora abituati a pensare che un’azienda debba durare cento o duecento anni, mentre sul mercato si rimane anche per quattro o cinque. “Dieci anni nel digitale rappresentano un ciclo importante. Purtroppo – chiosa Parodi Giusino – quando si chiude un percorso dispiace molto a tutti. Si è chiaramente fatto il possibile per evitarlo. Resta comunque il valore dell’esperienza”.

Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto
Usb, manifestazione stop glifosato

Stop glifosato, tavolo di coordinamento all’Ars. Usb: “Stop pesticidi. Diritto alla sovranità alimentare”

Venerdì 11 gennaio alle ore 10:30 in Assemblea Regionale Siciliana, nella Sala Rossa “Pio La Torre”, il tavolo di coordinamento Stop glyphosate La Federazione del Sociale USB Catania, insieme agli altri firmatari del manifesto "StopGlifosato", parteciperà, presso  l'Assemblea regionale siciliana, ...
Leggi Tutto