Abusi sessuali, avvocato finisce in carcere dopo il verdetto della Cassazione

La polizia lo ha arrestato e rinchiuso in carcere un avvocato di Marsala, Andrea Guglielmo Baldassare Lentini, 47 anni, condannato in via definitiva a tre anni di carcere per violenza sessuale su una ragazzina di 12 anni. Il sigillo sulla sentenza, da parte della Cassazione, è dello scorso 13 giugno, quando i magistrati della Suprema Corte hanno dichiarato inammissibile il ricorso presentato dalla difesa contro la condanna emessa, lo scorso anno, dalla Corte d’appello di Palermo. La Cassazione ha confermato anche la condanna del legale al risarcimento del danno alla persona offesa, l’interdizione dai pubblici uffici, dalla curatela e dalla tutela. In primo grado, l’avvocato Lentini era stato assolto dal gup di Marsala Annalisa Amato.

Un’assoluzione emessa con la formula del secondo comma dell’articolo 530 del codice di procedura penale (quando la prova “manca, è insufficiente o è contraddittoria”). La giovane vittima sarebbe stata palpeggiata nelle parti intime. La contestata violenza sessuale sarebbe avvenuta nel 2012, nell’abitazione estiva del legale, nel versante sud di Marsala, dove la vittima, secondo l’accusa, sarebbe stata attirata con un pretesto. Per, poi, essere aggredita e con la forza costretta a subire l’abuso sessuale dopo un bagno nella piscina gonfiabile. Al suo ritorno a casa, la giovane raccontò al padre quello che le era accaduto.