Davide Faraone, un giorno da Saddam

Un giorno da Saddam Hussein per il senatore del Pd Davide Faraone. Uno o più hacker hanno violato il suo account Facebook, modificando le informazioni e le foto sia del profilo che della pagina. Ecco quindi spuntare in foto copertina l’ex dittatore dell’Iraq, mentre la foto profilo è quella di un uomo dal volto travisato, gli occhi rossi e una scritta in arabo.

L’ufficio stampa di Faraone ha dato la notizia dell’attacco hacker: “Naturalmente non è Saddam Hussein”, scrive in un post corredato dalla foto, Simone Di Stefano. “Violato l’account Facebook di Davide Faraone. Compromessi il profilo e la pagina. Un attacco informatico che è stato già comunicato a chi di dovere. “Mustafa Nagi è qui”, (così si legge nel profilo) naturalmente non siamo noi”.

Il profilo è stato ripristinato dopo qualche ora grazie all’aiuto di un tecnico, aggiungendo procedure di protezione extra per scongiurare un nuovo attacco. Davide Faraone è andato negli uffici della Polizia Postale per denunciare l’accaduto.

L’anno scorso gli hacker avevano oscurato il sito di Sergio Mattarella.