“Minacciati e aggrediti dai detenuti”: la richiesta di aiuto al Governo degli educatori delle carceri

Minacciati, oltraggiati e aggrediti. Dicono basta gli educatori dell’amministrazione penitenziaria, costretti a lavorare in condizioni di estremo disagio. Gli ultimi episodi di Ariano Irpino e Sulmona, verificatisi ai danni del personale di Polizia Penitenziaria, rappresentano la spia di una situazione di criticità che ha ormai raggiunto il livello di guardia.
Dopo aver costituito il coordinamento dei funzionari “giuridico-pedagogici”, hanno chiesto alle organizzazioni sindacali della polizia penitenziaria di avviare un’azione comune per attivare sinergie tra i diversi operatori e migliorare un servizio pubblico indispensabile all’interno delle case circondariali.

“La riforma penitenziaria, apprezzabile per alcuni aspetti e meno per altri – osserva il presidente dell’Associazione nazionale Funzionari del Trattamento, Stefano Graffagnino, che lavora nel carcere di Caltanissetta – non ha previsto alcun riconoscimento per il ruolo di tutti gli operatori che lavorano a contatto con il detenuto. Una scelta incomprensibile. E’ urgente unire le posizioni e parlare con una sola voce”.

“Il funzionario giuridico-pedagogico – aggiunge Graffagnino – non è un ‘civile’ come gli altri. Sullo stesso grava parte della responsabilità della restituzione alla società libera dei detenuti o della permanenza in carcere degli stessi. In molte strutture vive a contatto con i detenuti molte ore al giorno, percepisce i loro disagi e frustrazioni e fronteggia le loro recriminazioni. Gli operatori della sicurezza condividono con noi un contesto difficile, usurante, pericoloso. Da qui la necessità di sviluppare una strategia solidale.
Il coordinamento, diventato nel frattempo “Associazione Nazionale funzionari del trattamento“, preso atto della costituzione del nuovo governo, chiede adesso di interloquire in maniera più efficace con i vertici politico-amministrativi del Ministero della giustizia, per affrontare e risolvere le tante contraddizioni che presenta il sistema carcerario, esplicitate più volte anche dal Consiglio d’Europa”.

Giusto Catania

Iniziativa ‘Giu le mani da Salvini’. Protesta Giusto Catania, capogruppo Sc: “Grave provocazione contro la magistratura”

"La manifestazione 'Giu le mani da Salvini' organizzata a Palermo è una volgare provocazione e una vera e propria intimidazione nei confronti della Procura della Repubblica”, protesta Giusto Catania, capogruppo di Sinistra Comune. “È un momento molto delicato perchè sono ...
Leggi Tutto
Noi siamo immortali, libro di Giovanni Cupidi

“Noi siamo immortali”. Ficarra e Picone presentano ai Cantieri Culturali di Palermo il libro di Giovanni Cupidi, prefazione di Jovanotti

“Ognuno ha la propria storia, che è unica, e questo è il bello. Non racconto la mia perché è più speciale di quella degli altri ma proprio perché è diversa. Adoro il concetto di diversità, che include l'unicità di ognuno ...
Leggi Tutto
Modigliani Experience

Modigliani Experience, Les Femmes: l’universo femminile di Amedeo Modigliani dal 3 novembre a Palermo, Palazzo Bonocore

Le donne di Modigliani da Taormina a Palermo. Dopo l’esposizione a Palazzo Corvaja in programma fino al prossimo 21 ottobre la mostra “Modigliani Experience, Les Femmes”, ideata dall’Istituto Amedeo Modigliani, in preparazione delle celebrazioni del centenario della morte del grande ...
Leggi Tutto
Premio Renzino Barbera

Al Teatro Politeama il “Premio Renzino Barbera – La Sicilia del Fare per la Cultura”

Una serata-omaggio, dedicata al grande poeta e umorista Renzino Barbera, per valorizzare le eccellenze e i talenti siciliani che si sono distinti nella propria terra Lo spettacolo si svolgerà il prossimo sabato 6 ottobre, alle ore 21.30 al Teatro Politeama, ...
Leggi Tutto