Musumeci a Pontida, M5S: “Sta con Forza Italia o con la Lega?” Aricò, DB: “Il presidente al tavolo nazionale per sostenere i diritti della Sicilia”

Nuovi assetti e alleanze nazionali, logica conseguenza malumori e manovre di assestamento nel governo delle regioni. In un Italia divisa ora tra Lega e Cinquestelle con le quotazioni di FI in ribasso, c’è chi chiede scelte di coerenza nei territori dove il centrodestra governa: sei regioni, quattro al nord (Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Liguria), due al sud (Molise e Sicilia).

Zafarana: “Maggioranza in Sicilia non esiste più, esecutivo sulle sabbie mobili”

Musumeci dica chiaramente ai suoi elettori da che parte vuole stare, invece di sostare nel limbo dell’ambiguità. Sta con Forza Italia? Con la Lega? O con due piedi in una scarpa, visto che la coalizione di Governo, con cui ha vinto le elezioni in Sicilia, si è sfaldata da tempo e non esiste più? Invece di fingere, Musumeci prenda atto che governa sulle sabbie mobili”. Lo dice la capogruppo del M5S Valentina Zafarana, riferendosi alla partecipazione del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, fondatore del movimento Diventerà Bellissima, che in Sicilia governa con gli azzurri di Fi, alla kermesse del Carroccio a Pontida, dove Matteo Salvini ha celebrato la sua leadership.
Rincara la dose il vicepresidente dell’Ars Giancarlo Cancelleri. “Mentre in Sicilia governa con Forza Italia, Musumeci va al raduno della Lega. Coerenza vorrebbe che Forza Italia uscisse dal governo della Regione, ma ormai è fin troppo evidente che Micciché e soci preferiscono fare i raccattapalle di Musumeci”.

Aricò: “Musumeci a Pontida su invito di un alleato e per rivendicare i diritti della Sicilia. Incomprensibili le critiche di Pd e M5S”

Ribatte alle critiche dei Cinquestelle il capogruppo di DiventeràBellissima all’Ars, Alessandro Aricò: “La coalizione che ha sostenuto Nello Musumeci nella sua corsa vincente alla presidenza della Regione ha potuto contare sin dal primo momento sul sostegno della Lega. La sua presenza a Pontida, pertanto, rappresenta anzitutto un gesto di rispetto nei confronti di un alleato.
Inoltre, considerando che la Lega ha assunto un ruolo centrale nel governo dell’Italia, portare al tavolo nazionale la questione meridionale è una mossa politica lungimirante da parte di Musumeci, il quale è andato a Pontida non certo con il cappello in mano bensì per rivendicare i diritti dei siciliani, finora troppo spesso considerati solo come un serbatoio di voti».
Aricò, aggiunge: “Noi siamo consapevoli che la nostra Regione dovrà essere strategica per gli equilibri dell’Europa nel Mediterraneo, mentre con le loro incomprensibili accuse il Pd e il M5S dimostrano di non stare certo dalla parte dei siciliani. Non è più tempo di campanilismo tra Nord e Sud: perché, come ha detto Musumeci, per tutelare i diritti dell’Italia contro i potentati d’Europa bisogna ora trovare la ragioni che ci uniscono invece di quelle che ci dividono”.

Jose Marano

Made in Sicily, la tecnologia Blockchain un’incredibile opportunità

La deputata Ars Jose Marano, firmataria di una proposta di legge sulla tracciabilità agroalimentare attraverso la Blockchain, martedì 13 novembre a Milano all’evento organizzato da Davide Casaleggio B2B sul futuro digitale del business tra aziende: come la Blockchain rivoluzionerà il ...
Leggi Tutto
Il Golfo di Mondello, Palermo

A Genova il convegno nazionale Unicom sul marketing della destinazione

I Travel Marketing Days, in programma a Genova dal 22 al 25 novembre, con l’organizzazione di Studiowiki e la direzione scientifica di Roberta Milanosono, un evento che ha come tema principale il marketing del turismo, ogni anno declinato su differenti ...
Leggi Tutto
FullTimeSubito incontra ministro Villarosa

Comitato lavoratori postali: “Felici per crescita Poste Italiane. Fondamentali impegno, professionalità e sacrifici dei lavoratori”


Nato in Sicilia a giugno dopo che azienda e sindacati hanno sottoscritto un discusso accordo sulle politiche attive del lavoro, il comitato "#FullTimeSubito per i lavoratori postali" è diventato promotore di un grande movimento di protesta che sta iniziando a ...
Leggi Tutto
cantieri

Tutti i cantieri edili siciliani, domani si fermeranno in memoria delle vittime del maltempo nell’Isola

Morte per incuria, per il mancato rispetto delle regole e per la lentezza nella messa in sicurezza del territorio. Cgil, Cisl e Uil: “Far partire subito i cantieri per la prevenzione del rischio idrogeologico e quelli per le infrastrutture siciliane” ...
Leggi Tutto