I circuiti storici della Targa Florio patrimonio culturale della Sicilia. Aricò: “In arrivo più fondi”

I circuiti storici della Targa Florio e le antiche tribune di Floriopoli sono stati dichiarati patrimonio culturale della Regione siciliana. Lo prevede un emendamento al Collegato, approvato dall’Ars e presentato dal gruppo di Diventerà Bellissima.

“Già la manifestazione della Targa Florio aveva ottenuto nel 2002 questo prestigioso riconoscimento per il contributo dato alla positiva diffusione dell’immagine della Sicilia nel mondo. Ora – sottolinea il primo firmatario Alessandro Aricò – pure i circuiti e le storiche tribune saranno inseriti nel registro delle Eredità immateriali dell’Unesco e ciò consentirà un più agevolato ed immediato accesso ai finanziamenti nazionali ed europei previsti per i Beni culturali. Così sarà possibile il potenziamento sia delle strade e delle infrastrutture delle Madonie, che delle iniziative storico culturali a corredo dell’evento, consentendo un ulteriore rilancio pure della Targa Florio, con positive ricadute su indotto e turismo”.

Il provvedimento è stato sostenuto dal governo regionale con gli assessori Tusa e Pappalardo, dal presidente della V commissione all’Ars, Sammartino, e fortemente auspicato da Aci Palermo- titolare della Targa Florio, presieduta da Angelo Pizzuto.

In particolare, sono stati dichiarati patrimonio culturale della Regione siciliana i circuiti storici piccolo (72 km), medio (108 km) e grande (148 km) della Targa Florio e le antiche tribune di Floriopoli che si trovano in contrada Quaranta Salme a Termini Imerese.

Il “grande circuito delle Madonie” partiva da Buonfornello, toccava Cerda, Caltavuturo, Castellana Sicula, Petralia Sottana e Soprana, Geraci Siculo, Castelbuono, Isnello, Collesano, Campofelice di Roccella per ritornare a Buonfornello. Il medio circuito partiva da Cerda e proseguiva per Caltavuturo, Polizzi, Collesano e Campofelice, per ritornare a Cerda. Infine, il piccolo circuito dalle tribune di Cerda si snodava per Portella di Cascio, Portella di Sette Frati, Ponte Salito, bivio Caltavuturo, Scillato, bivio di Polizzi Generosa, Portella di Mare, Collesano, Campofelice di Roccella, Buonfornello e di nuovo Cerda.

La dorsale principale della Targa è la SS 120 tra Cerda e Caltavuturo (34 km), che è stata riaperta da Anas lo scorso inizio maggio. Hanno bisogno invece di ingenti lavori, ad esempio, la SP9 (Provinciale) tra Campofelice e Collesano, la Scillato-Caltavuturo SP24, e la SP54 tra Mongerrati (Isnello) e Piano Battaglia.

Jose Marano

Made in Sicily, la tecnologia Blockchain un’incredibile opportunità

La deputata Ars Jose Marano, firmataria di una proposta di legge sulla tracciabilità agroalimentare attraverso la Blockchain, martedì 13 novembre a Milano all’evento organizzato da Davide Casaleggio B2B sul futuro digitale del business tra aziende: come la Blockchain rivoluzionerà il ...
Leggi Tutto
Il Golfo di Mondello, Palermo

A Genova il convegno nazionale Unicom sul marketing della destinazione

I Travel Marketing Days, in programma a Genova dal 22 al 25 novembre, con l’organizzazione di Studiowiki e la direzione scientifica di Roberta Milanosono, un evento che ha come tema principale il marketing del turismo, ogni anno declinato su differenti ...
Leggi Tutto
FullTimeSubito incontra ministro Villarosa

Comitato lavoratori postali: “Felici per crescita Poste Italiane. Fondamentali impegno, professionalità e sacrifici dei lavoratori”


Nato in Sicilia a giugno dopo che azienda e sindacati hanno sottoscritto un discusso accordo sulle politiche attive del lavoro, il comitato "#FullTimeSubito per i lavoratori postali" è diventato promotore di un grande movimento di protesta che sta iniziando a ...
Leggi Tutto
cantieri

Tutti i cantieri edili siciliani, domani si fermeranno in memoria delle vittime del maltempo nell’Isola

Morte per incuria, per il mancato rispetto delle regole e per la lentezza nella messa in sicurezza del territorio. Cgil, Cisl e Uil: “Far partire subito i cantieri per la prevenzione del rischio idrogeologico e quelli per le infrastrutture siciliane” ...
Leggi Tutto