Operatori turistici non pagano l’Imu: scoperta evasione fiscale da 4 milioni nel Catanese

Non avrebbero provveduto alla liquidazione e al pagamento dell’Imu dal 2013 al 2017, per un’evasione fiscale di 4 milioni di euro. È di quanto verrebbero accusati 14 operatori turistici, in seguito a dei controlli effettuati dalla Guardia di finanza di Catania sui dati catastali delle strutture alberghiere di Acireale, Aci Castello, Viagrande, Pedara e Zafferana Etnea.

Segnalati agli Enti locali, per il recupero dell’imposta e per l’applicazione della relativa sanzione pari al 30% dell’importo dovuto, gli amministratori delle strutture. Uno degli operatori ha provveduto a versare al Comune di Aci Castello circa 170.000 euro.