Palermo, Giammarva: “Episodi partita Frosinone facevano parte di un unico progetto”

“Per quanto riguarda la partita disputata con il Frosinone, rimaniamo convinti che essa non si sia svolta regolarmente. Tale opinione si è rafforzata dopo avere preso visione dei verbali arbitrali che confermano come tutti gli episodi accaduti durante la gara facciano parte di un unico progetto, a differenza di quanto valutato e sanzionato dal Giudice sportivo, finalizzato ad ostacolare il regolare svolgimento della gara a danno del Palermo”. Lo dice il presidente del Palermo, Giovanni Giammarva, in una nota. “Il Giudice – prosegue – ha ritenuto di valutare i singoli accadimenti (lancio di palloni, anche dalla curva dei tifosi, invasione di campo, etc.) e di non considerare che essi nell’insieme abbiano di fatto alterato la gara, con la conseguenza che tali fatti avrebbero dovuto essere sanzionati con la perdita della partita da parte del Frosinone. Tutto ciò è stato rappresentato anche alla Corte Sportiva di Appello. In tale sede sono state inoltre evidenziate le numerose violazioni delle norme di procedura che hanno caratterizzato il giudizio da cui è scaturito il provvedimento di primo grado”.

“Per ciò che riguarda il Parma, è stata ufficialmente richiesta la documentazione da cui è scaturito il deferimento. In tale procedimento il Palermo si costituirà come contro interessato per tutelare i propri diritti”. dice ancora Giammarva. “Inoltre – prosegue – la società ha già chiesto al commissario straordinario della Figc la deroga dal vincolo di giustizia sia per le vicende legate alla partita con il Frosinone che per quelle di Spezia-Parma, per rappresentare quanto accaduto alla Procura della Repubblica. Abbiamo uno staff legale di grande qualità – continua il presidente – e sono convinto che gli organi di giustizia sportiva interpellati non potranno che esaminare con attenzione le nostre argomentazioni. Spero che in tempi brevi ci sia concesso di derogare alla clausola compromissoria per potere promuovere ogni opportuna azione presso i competenti organi. Se così non fosse, inizierei a chiedermi perché vicende di questo tipo non debbano essere sottoposte al vaglio degli organi inquirenti”.

“A prescindere dagli interessi della società – conclude il presidente rosanero – l’accertamento sul regolare svolgimento di una gara coinvolge anche i diritti degli scommettitori e, per ciò solo, ritengo che la vicenda potrebbe essere oggetto di iniziative giuridiche autonome da parte della magistratura ordinaria“.