Videogiochi, per l’Oms la dipendenza è una malattia mentale

L’Oms (Organizzazione mondiale della Sanità) ha riconosciuto ufficialmente, dopo mesi di notizie non ancora ufficiali sul tema, la dipendenza da videogiochi come una malattia mentale.

Questo “gaming disorder” è stato inserito nella sezione patologie mentali dell’ICD (International Classification of Diseases). Secondo questo elenco, che contiene al suo interno oltre 55 mila malattie, la dipendenza da videogiochi consiste in “una serie di comportamenti persistenti o ricorrenti che prendono il sopravvento sugli altri interessi della vita”.

Vladimir Poznyak, del dipartimento salute mentale dell’Oms, ha spiegato che quando sopraggiunge questo comportamento ludopatico non si riesce a controllarlo e comporta problemi anche nella vita personale, familiare e sociale con possibili conseguenze anche nell’ambito alimentare.