Il giudice Conte bacchetta il presidente del Coni Giovanni Malagò

Caro Presidente Malagò,
ho riflettuto molto prima di scriverle questa lettera pubblica, che spero leggerà, ma poi alla fine ho deciso di farlo, perché credo che il suo post su Twitter meriti una certa attenzione e, soprattutto, una qualche risposta, da profondo amante del mondo dello sport, quale sono, da quando sono nato.
Perché vede, caro Presidente, lei oggi ha inneggiato alla Promozione del Frosinone, società per la quale, le confesso, fino a ieri nutrivo un po’ di sana simpatia, come per tutte quelle squadre di provincia che con grandi sacrifici riescono ad entrare nel calcio di élite, come una sorta di modello da seguire.
Ed io spero che lei, in assoluta buona fede e pieno di impegni, non abbia visto la partita di ieri con il Palermo che ha sancito la promozione in serie A della Sua società modello.

Perché chiunque ieri sera ha visto la partita, e mi creda sono stati in tanti, tifosi e non, non può non aver capito che quella è stata la dimostrazione più evidente di cosa NON debba essere lo Sport, così come lo intendiamo noi, forse illusi, amanti di questa nobile disciplina.

Perché cominciare a simulare dal 4’ minuto, giocare duro fin da subito e soprattutto cercare di condizionare l’arbitro (riuscendoci purtroppo…) per tutta la gara non è Sport ma tutt’altro.
Per non parlare dell’ignobile farsa finale del tempo di recupero, in cui tutti, giocatori, raccattapalle e pubblico, hanno avuto come compito quello di impedire di giocare, lanciando palloni in campo ed arrivando addirittura ad impedire che l’arbitro fischiasse regolarmente la fine.
Se può, La prego, di rivederla.
Stavamo tutti cercando di leccarci le ferite, perché sa, caro Presidente, noi a Palermo nel mondo dello sport ne abbiamo fin troppe, quando è arrivato il suo post, quasi di beffa, che non possiamo proprio accettare, non tanto noi anziani, che ormai abbiamo fatto il callo, ma soprattutto giovani, quelli che lo Sport vero non l’hanno purtroppo mai visto sul serio.
Perché non ci può dire che quello che abbiamo visto ieri è un modello di società sportiva.
Quello che abbiamo “ammirato” ieri e’ uno spot perfetto su quello che dobbiamo insegnare ai nostri giovani a non fare, se vogliono praticare lo Sport con la S maiuscola.
Quindi, caro Presidente, la prossima volta che vuole celebrare qualcosa o qualcuno, la prego di documentarsi per bene.
Perché Lei dovrebbe essere la figura di vertice dello Sport in Italia e lo Sport, in qualsiasi parte del mondo, dovrebbe essere una cosa pulita.
E ieri, mi creda, lo spettacolo che abbiamo visto non lo è stato, in nessun modo possibile ed immaginabile.
Lo Sport dovrebbe essere il modo migliore per combattere la criminalità, togliendo i ragazzi dalle strade e mettendoli nelle palestre, dove non si vince con la violenza ma con il sudore e la fatica.
Ieri è stata solo la dimostrazione di come si possa vincere facendo i furbi ed eludendo palesemente le regole.
Per il futuro si ricordi di questo, per favore, perché Lei ha una grande responsabilità in questo Paese.
Soprattutto verso coloro che ancora credono che lo Sport possa aiutare i giovani ed il nostro futuro.
Cordialmente, Mario Conte

Jose Marano

Made in Sicily, la tecnologia Blockchain un’incredibile opportunità

La deputata Ars Jose Marano, firmataria di una proposta di legge sulla tracciabilità agroalimentare attraverso la Blockchain, martedì 13 novembre a Milano all’evento organizzato da Davide Casaleggio B2B sul futuro digitale del business tra aziende: come la Blockchain rivoluzionerà il ...
Leggi Tutto
Il Golfo di Mondello, Palermo

A Genova il convegno nazionale Unicom sul marketing della destinazione

I Travel Marketing Days, in programma a Genova dal 22 al 25 novembre, con l’organizzazione di Studiowiki e la direzione scientifica di Roberta Milanosono, un evento che ha come tema principale il marketing del turismo, ogni anno declinato su differenti ...
Leggi Tutto
FullTimeSubito incontra ministro Villarosa

Comitato lavoratori postali: “Felici per crescita Poste Italiane. Fondamentali impegno, professionalità e sacrifici dei lavoratori”


Nato in Sicilia a giugno dopo che azienda e sindacati hanno sottoscritto un discusso accordo sulle politiche attive del lavoro, il comitato "#FullTimeSubito per i lavoratori postali" è diventato promotore di un grande movimento di protesta che sta iniziando a ...
Leggi Tutto
cantieri

Tutti i cantieri edili siciliani, domani si fermeranno in memoria delle vittime del maltempo nell’Isola

Morte per incuria, per il mancato rispetto delle regole e per la lentezza nella messa in sicurezza del territorio. Cgil, Cisl e Uil: “Far partire subito i cantieri per la prevenzione del rischio idrogeologico e quelli per le infrastrutture siciliane” ...
Leggi Tutto