Apre Manifesta 12, a Palermo i lavori di 50 artisti

Manifesta 12, la biennale nomade di arte e cultura contemporanea, apre al pubblico da domani al 4 novembre a Palermo, in venti sedi della città, presentando i lavori di circa 50 artisti e collettivi. La cerimonia pubblica di apertura si svolgerà domani, alle 20, a piazza Magione. Il sistema diffuso di mostre, tra installazioni, video, performance, interventi urbani e progetti letterari compone “Il giardino planetario. Coltivare la coesistenza“, messo a punto dai Creative mediator di Manifesta 12 Bregtje van der Haak, giornalista e film maker olandese, Andre’s Jaque, architetto e ricercatore spagnolo, Ippolito Pestellini Laparelli, architetto nato in Sicilia partner dello studio Oma di Rotterdam e Mirjam Varadinis, curatrice svizzera di arti visive.

Fondata nel 1993 dalla storica dell’arte Hedwig Fijen, che ancora oggi la dirige, la biennale nomade europea, promossa dal Comune di Palermo nell’anno di Palermo Capitale italiana della cultura, presenta circa 50 progetti artistici di cui 35 nuove opere appositamente commissionate, non soltanto ad artisti nel senso tradizionale del termine, ma scrittori, architetti e registi, invitati nei mesi scorsi a condurre ricerche sul campo e a sviluppare nuovi progetti lavorando a stretto contatto con art producer, operatori locali e associazioni del territorio.


Il programma delle attività di Manifesta 12 fino al 17 giugno, pubblicato da artribune.com


Widget not in any sidebars