“Vietato essere sbracati!” L’appello del professore per un abbigliamento decoroso, soprattutto agli esami. Cosa ne pensano gli studenti universitari

Avere un “abbigliamento consono e decoroso del contesto accademico” soprattutto in occasione degli esami: l’appello del professore Francesco Cappello, ordinario di Anatomia umana del dipartimento di Biomedicina sperimentale e Neuroscienze cliniche, non ha lasciato indifferenti gli studenti dell’Ateneo Palermitano, che attraverso la voce dell’associazionismo non hanno esitato ad esprimere il loro parere.

abbigliamento a scuola“La nota a nostro avviso e secondo molti studenti – dice Francesco Cacioppo, segretario di Intesa Universitaria a Medicina – non è da prendere sotto gamba. Dopo il liceo, essere studente diventa un vero lavoro e in quanto tale pensiamo sia necessario, nelle sedi opportune, presentarsi in modo consono e appropriato. Andare a sostenere un esame – precisa – è una cosa seria e presentarsi in canottiera e pantaloncini dimostra, agli occhi dei docenti, tutt’altro che serietà e rispetto nei confronti dell’ambiente Accademico. Se vogliamo andare a mare basta portarsi uno zainetto e cambiarsi dopo l’esame, nulla di più facile”.

Abbigliamento decoroso all'università“Sulla nota informativa del professore Cappello – afferma Luigi Di Liberto, presidente di Aulett@’99, associazione degli studenti di Medicina e delle professioni sanitarie – ci trovate sicuramente in accordo, poiché , chiaramente senza nessun interesse personale o associazionistico, non ci viene chiesto l’impossibile, ma solo il rispetto di normali usi e costumi che si dovrebbero avere quotidianamente in certi luoghi”.
Dagli studenti arriva una precisazione: “Sicuramente però – continua Di Liberto – non siamo in accordo con il peso mediatico che si sta attribuendo alla nota , principalmente per l’errato messaggio e per l’errata idea che sta passando di noi studenti. Non è mai capitato che ad un esame si presentassero tutti quanti in bermuda infradito o in top.
È certamente successo , ma parliamo di singoli casi, e quando accade è giusto farlo presente ed altresì corretto che la commissione inviti al rispetto delle regole”.

“Il professore Cappello – spiega Giuseppe Liotta, presidente di Vivere Ateneo – ha sempre dichiarato l’importanza del luogo istituzionale che l’aula universitaria rappresenta. Ho sempre visto l’università come un luogo che prepara e forma giovani studenti a diventare grandi professionisti, in base a questo penso che ogni luogo richieda un atteggiamento e un outfit consono a quello che rappresenta. La nostra formazione parte anche da questo”.


Talvolta essere alla moda (vestirsi è anche libertà di espressione) può essere in netta contraddizione con l’opportunità di un abbigliamento convenzionalmente “decoroso”?

Jeans strappati

Giornate dell'economia del mezzogiorno

“Economia e legalità”, convegno all’istituto Pio La Torre a Palermo, per le Giornate dell’Economia del Mezzogiorno, giovedì 22 novembre

Nell'ambito delle Giornate dell'Economia del Mezzogiorno, XI edizione, giovedì 22 novembre alle 9,30 appuntamento all’Istituto scolastico "Pio La Torre" (Via Nina Siciliana 22 - Palermo) per l’incontro su "Economia e Legalità". Interventi di: Nicoletta Lipani, dirigente scolastico I.I.S.S. Pio La ...
Leggi Tutto
Make something week

Make Something Week, anche a Palermo la settimana di eventi promossa da Greenpeace in tutto il mondo contro il modello di consumo “usa e getta”

Una settimana di eventi-laboratorio gratuiti promossa da Greenpeace in tutto il mondo dal 23 novembre al 2 dicembre. Guidati da creativi e professionisti del settore, i partecipanti impareranno a riparare, riciclare, riutilizzare e dare nuova vita ad oggetti inutilizzati e ...
Leggi Tutto
Swingrowers, "Healing dance"

VIDEOCLIP – “Healing dance”, il nuovo brano della band Swingrowers con il featuring Davide Shorty, è online su YouTube

Una live session inedita in un’atmosfera dai colori vintage, contornata da una coreografia ispirata al fascino di Ginger Rogers e Fred Astaire. “Il brano porta con sè un messaggio di speranza - racconta la band formata da Roberto Costa aka ...
Leggi Tutto
Lucio Luca, “L’altro giorno ho fatto 40 anni”

“L’altro giorno ho fatto quarant’anni”, romanzo di Lucio Luca, ispirato alla storia del giornalista calabrese Alessandro Bozzo

“Non devi scrivere delle pallottole, quelle sono il meno. Prova invece a indagare sui padroni dei giornali in Calabria, sui rapporti con i partiti. E chi si azzarda a scriverlo, ad alzare la voce va a casa. Vuoi fare questo ...
Leggi Tutto