Studenti, niente ciabatte e pantaloncini: altrimenti niente esami. Lo scrive su Facebook un prof dell’Università di Palermo

Universitario avvisato, mezzo salvato. È questo il senso della nota informativa diffusa dal Dipartimento di Biomedicina Sperimentale e Neuroscienze Cliniche dell’Università di Palermo che ha un destinatario preciso: lo studente sciatto. Il professor Francesco Cappello adotta segni e linguaggio inequivocabili e avverte che non ci saranno deroghe. Su Facebook ha fatto girare un post rivolto a tutti coloro i quali dovranno sostenere esami nella prossima sessione e a chi dovrà soltanto verbalizzarli. Ingresso vietato a chi non avrà un abbigliamento decoroso e rispettoso del contesto accademico. Traduzione: niente pantaloncini e ciabatte.

Inutile dire che il post ha fatto il pieno di consensi, con una netta prevalenza di docenti che si sono schierati compatti a fianco del collega. Quello del decoro è un tema che, per quanto comprensibile, espone la comunità accademica (ma si potrebbe dire scolastica, visto che nei licei la musica non è diversa) a diverse insidie.

È poco decorosa una studentessa che si presenta con gonna pantaloni e sandali? E chi misura il decoro di un décolleté più o meno accentuato? E vogliamo parlare anche dei capelli o dell’igiene personale, cose non secondarie se l’argomento è il decoro? Il vero nodo è che in assenza di regole non basta la decisione estemporanea di un docente per risolvere ciò che si ritiene essere un problema. Mancano le regole – per fortuna o purtroppo, direbbe Giorgio Gaber – su una materia nella quale il giudizio è assolutamente soggettivo. Ci si dovrebbe affidare al buonsenso di professori e studenti, niente altro che a questo. Ogni altro passo in una direzione (rigore) o nell’altro (poco formalismo) ci conduce in un territorio assai scivoloso. Piaccia o meno, oggi su Facebook si discute anche di questo ed è l’ennesima prova di come i tempi cambiano. Se la macchina del tempo ci consentisse un viaggio a ritroso di qualche decennio le nostre pagine racconterebbero in tempo reale di Facoltà occupate e di conflitti generazionali. The times are changing… Rievochiamo ancora Gaber: per fortuna o purtroppo?

Per i miei studenti, in previsione delle prossime sedute d'esame.

Pubblicato da Francesco Cappello su lunedì 11 giugno 2018

Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto
Usb, manifestazione stop glifosato

Stop glifosato, tavolo di coordinamento all’Ars. Usb: “Stop pesticidi. Diritto alla sovranità alimentare”

Venerdì 11 gennaio alle ore 10:30 in Assemblea Regionale Siciliana, nella Sala Rossa “Pio La Torre”, il tavolo di coordinamento Stop glyphosate La Federazione del Sociale USB Catania, insieme agli altri firmatari del manifesto "StopGlifosato", parteciperà, presso  l'Assemblea regionale siciliana, ...
Leggi Tutto