Studenti, niente ciabatte e pantaloncini: altrimenti niente esami. Lo scrive su Facebook un prof dell’Università di Palermo

Universitario avvisato, mezzo salvato. È questo il senso della nota informativa diffusa dal Dipartimento di Biomedicina Sperimentale e Neuroscienze Cliniche dell’Università di Palermo che ha un destinatario preciso: lo studente sciatto. Il professor Francesco Cappello adotta segni e linguaggio inequivocabili e avverte che non ci saranno deroghe. Su Facebook ha fatto girare un post rivolto a tutti coloro i quali dovranno sostenere esami nella prossima sessione e a chi dovrà soltanto verbalizzarli. Ingresso vietato a chi non avrà un abbigliamento decoroso e rispettoso del contesto accademico. Traduzione: niente pantaloncini e ciabatte.

Inutile dire che il post ha fatto il pieno di consensi, con una netta prevalenza di docenti che si sono schierati compatti a fianco del collega. Quello del decoro è un tema che, per quanto comprensibile, espone la comunità accademica (ma si potrebbe dire scolastica, visto che nei licei la musica non è diversa) a diverse insidie.

È poco decorosa una studentessa che si presenta con gonna pantaloni e sandali? E chi misura il decoro di un décolleté più o meno accentuato? E vogliamo parlare anche dei capelli o dell’igiene personale, cose non secondarie se l’argomento è il decoro? Il vero nodo è che in assenza di regole non basta la decisione estemporanea di un docente per risolvere ciò che si ritiene essere un problema. Mancano le regole – per fortuna o purtroppo, direbbe Giorgio Gaber – su una materia nella quale il giudizio è assolutamente soggettivo. Ci si dovrebbe affidare al buonsenso di professori e studenti, niente altro che a questo. Ogni altro passo in una direzione (rigore) o nell’altro (poco formalismo) ci conduce in un territorio assai scivoloso. Piaccia o meno, oggi su Facebook si discute anche di questo ed è l’ennesima prova di come i tempi cambiano. Se la macchina del tempo ci consentisse un viaggio a ritroso di qualche decennio le nostre pagine racconterebbero in tempo reale di Facoltà occupate e di conflitti generazionali. The times are changing… Rievochiamo ancora Gaber: per fortuna o purtroppo?

Per i miei studenti, in previsione delle prossime sedute d'esame.

Pubblicato da Francesco Cappello su lunedì 11 giugno 2018

A tinte forti, Parco delle Madonie

“Quattro donne”. A Villa Sgadari, Petralia Soprana, presentazione del libro di Carla Garofalo

Petralia Soprana - Nella favolosa settecentesca Villa Sgadari, sabato 20 ottobre 2018, alle 17.30, si presenterà il libro "Quattro donne” di Carla Garofalo, Qanat Edizioni ed arti visive. Converseranno con l'autrice, la giornalista Maria Giambruno e la scrittrice Mari Albanese ...
Leggi Tutto
Teatro del Fuoco Kids

Inizia Teatro del Fuoco Kids, lo spettacolo con il fuoco ed il corso di teatro per i bambini

Il Teatro del Fuoco Kids, nato come sezione del Teatro del Fuoco International Firedancing Festival, ha lo scopo di stimolare le emozioni del bambino, si realizza per il periodo di autunno ed inverno 2018/19 da Elementi Creativi di via Tommaso ...
Leggi Tutto
Festa dell'accoglienza alla scuola Antonio Ugo a Palermo

Cresce l’indignazione per le parole di odio e intolleranza verso la Festa dell’accoglienza a Palermo

Non si placano le polemiche sorte in queste ore a seguito dell’articolo sul quotidiano “La Verità”, diretto da Maurizio Belpietro, con cui Francesco Borgonovo esprime il suo particolare punto di vista sulla Festa dell’accoglienza organizzata dalla scuola Antonio Ugo di ...
Leggi Tutto
Il Museo del Carretto Siciliano - The Sicilian Cart Museum

Museo del carretto siciliano, entro il 2018 l’inaugurazione a Palazzo Valguarnera-Ganci

Nelle scuderie del prestigioso Palazzo Valguarnera-Ganci, noto al pubblico dei cinefili per la celebre scena del ballo ne “Il Gattopardo” di Luchino Visconti, verrà inaugurato a Palermo entro la fine del 2018 il Museo del carretto siciliano. Simbolo dell’iconografia folcloristica ...
Leggi Tutto