I gol di Stellone e ora il Palermo ha le mani sulla serie A

I gol di Roberto Stellone consentono al Palermo di mettere le mani sulla serie A. Mezza partita l’ha infatti vinta l’ex bomber di Napoli e Torino, facendo scattare la fase 3 di questi play off, disegnando un nuovo Palermo, nella tattica e negli uomini, scegliendo di giocarsi l’azzardo più grande, cioè azzannare il Frosinone concedendo un uomo in più a centrocampo e fidandosi in maniera assoluta di Igor Coronado, pedina strategica sia nella fase offensiva che sorprendentemente in quella difensiva.

E alla fine Stellone ha ritirato l’intera posta e con notevoli interessi, nonostante il Palermo sia andato sotto praticamente già negli spogliatoi. Eppure si è percepito che non sarebbe finito nel consueto disastro una partita cominciata male, come per esempio, era accaduto a Parma, contro il Cittadella o a Empoli durante la stagione regolare.

Un Palermo forte nelle gambe – e anche sotto questo profilo la sciagurata e troppo lunga parentesi Tedino è stata brillantemente superata – ma soprattutto libero nella mente e consapevole che, dovendo vincere almeno una delle sfide contro il Frosinone era più opportuno provarci sin da subito e al Barbera.

Difficile dire quanto abbia inciso la capacità del Frosinone di rivelarsi molle e quasi alla fine della corsa. Una squadra che all’89esimo dell’ultima partita di campionato era in serie A e per buona parte della stagione ha occupato una delle prime tre posizioni dovrebbe saper fare di più proprio quando non c’è più possibilità d’appello. E invece, nonostante lo straordinario quanto casuale gol di Ciano – scartato due volte da Zamparini e dal suo staff di strateghi… – il Frosinone ha pensato solo e soltanto a limitare il raggio d’azione di Coronado e di chiudere gli spazi a La Gumina che, peraltro, comincia a vedersi accendere la spia della riserva.

Ha meritato di perdere la squadra di Longo quanto di vincere quella di Stellone che, al contrario del rivale della porta accanto, ha inciso per davvero durante tutti i 90′, azzeccando il ritorno della difesa a 3,l’avanzamento di Rispoli e Aleesami, il ritorno di Nestorovski e la posizione semi anarchica di Coronado. E con i cambi in corso d’opera ha completato l’opera, scardinando le residue speranze di resistenza del Frosinone e vanificandone le velleità finali.

Della promozione il Palermo è autorizzato a sentire soltanto il profumo, i 90′ di sabato allo Stirpe non saranno una passeggiata di salute. Però quella vista a Palermo, per quanto chiamata a difendere l’onore davanti ai propri tifosi, sembra un avversario decisamente alla portata. E se Stellone riuscirà nell’impresa, oltre alla serie A si aggiudicherà il record di unico allenatore imbattuto della serie B 2017/18.

Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto
Usb, manifestazione stop glifosato

Stop glifosato, tavolo di coordinamento all’Ars. Usb: “Stop pesticidi. Diritto alla sovranità alimentare”

Venerdì 11 gennaio alle ore 10:30 in Assemblea Regionale Siciliana, nella Sala Rossa “Pio La Torre”, il tavolo di coordinamento Stop glyphosate La Federazione del Sociale USB Catania, insieme agli altri firmatari del manifesto "StopGlifosato", parteciperà, presso  l'Assemblea regionale siciliana, ...
Leggi Tutto