Patto per il lavoro: sei regioni del Mezzogiorno firmano “un piano shock” per immettere 200mila giovani del Sud nella Pubblica amministrazione

Un memorandum “per il rilancio del lavoro pubblico nel Mezzogiorno”. Un “Patto per il lavoro” sottoscritto stamattina a Napoli tra i governatori delle Regioni Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia e Sicilia, nel corso di un incontro sull’occupazione promosso dalla Regione Campania.

Nel presentare il Piano del lavoro della propria Regione, il governatore della Campania Vincenzo De Luca ha esposto l’idea di un “fronte comune del Sud”, un patto per dare un forte segnale al nuovo governo nazionale, promuovere l’occupazione pubblica, “mantenere e incrementare gli investimenti in infrastrutture” e fare pressione perche’ “i fondi europei non siano sostitutivi della spesa ordinaria”.

Musumeci: si avverte l’esigenza di un “partito dei governatori del Sud”

“Creare un partito dei governatori del Sud? Credo che se ne avverta l’esigenza”. Lo afferma il governatore della Sicilia, Nello Musumeci. “In Italia – sottolinea – c’è l’esigenza di dovere scomporre e ricomporre l’area del centrodestra: sarà inevitabile e fisiologico. Dobbiamo dare agli emarginati e non garantiti del Sud l’idea di rappresentarli attraverso un progetto sano e concreto. In questa scomposizione del quadro politico italiano – dice Musumeci -, non vedrei di cattivo occhio una forza politica capace di rappresentare le istanze del Sud”. Il punto di partenza di questo progetto potrebbe essere proprio il piano per il lavoro, “un’idea interessante di De Luca che va applicata – commenta Musumeci -. Il governo nazionale non puo’ non sostenerlo: la sfida del Sud si vince se creiamo un polo forte al di là delle appartenenze politiche”

Il patto tra i governatori, un memorandum per rilanciare il lavoro al Sud

“Con la firma di oggi – si legge nel documento – le Regioni condividono la necessità di dar vita a un grande piano per il lavoro pubblico che parta dalla rilevazione dei fabbisogni di tutte le amministrazioni pubbliche, che accompagni le amministrazioni nella individuazione dei migliori profili professionali da assumere e che selezioni attraverso concorsi omogenei e procedure trasparenti le migliori risorse umane”.
Nei prossimi 5 anni, infatti, “nel nostro Paese andranno in pensione circa 450mila persone. Occorre accelerare fortemente i tempi di reintegro”, così recita il memorandum. Compito delle Regioni sarà quello di “fare in modo che vi siano le procedure e le risorse necessarie per poter realizzare questo obiettivo”. L’idea e’ di promuovere, in un’interlocuzione solida con il governo nazionale, “un piano shock” per immettere “200mila giovani del Sud nella Pubblica amministrazione”, spiega il governatore della Campania Vincenzo De Luca, promotore dell’iniziativa.

Hanno firmato il memorandum, con De Luca, anche Mario Oliverio, presidente della Regione Calabria, Marcello Pittella, governatore della Basilicata, Donato Toma, presidente del Molise, Nello Musumeci, governatore della Sicilia. Michele Emiliano, presidente della Regione Puglia ha confermato il suo assenso in video conferenza, a rappresentarlo a Napoli l’assessore al Lavoro Sebastiano Leo.
“Per la prima volta dopo molti anni – commenta De Luca – tutti i governatori del Sud stanno insieme per una battaglia a tutela delle nostre comunità, al di là delle distinzioni politiche. Abbiamo firmato un protocollo che ha al centro la battaglia per il lavoro. A cominciare dalla Campania, in tutte le Regioni ci sarà un programma per immettere in maniera trasparente quanti più giovani nella pubblica amministrazione”.

Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto
Usb, manifestazione stop glifosato

Stop glifosato, tavolo di coordinamento all’Ars. Usb: “Stop pesticidi. Diritto alla sovranità alimentare”

Venerdì 11 gennaio alle ore 10:30 in Assemblea Regionale Siciliana, nella Sala Rossa “Pio La Torre”, il tavolo di coordinamento Stop glyphosate La Federazione del Sociale USB Catania, insieme agli altri firmatari del manifesto "StopGlifosato", parteciperà, presso  l'Assemblea regionale siciliana, ...
Leggi Tutto

Dario Fidora

Direttore editoriale