Aquarius, l’Imam Yusuf’Abd Al Hady Dispoto: “Esiste un’unica razza, quella umana. L’accoglienza non è in questione”

“Essendo un religioso posso affrontare la cosa da un punto di vista spirituale”. Esordisce così l’Imam Yusuf’Abd Al Hady Dispoto, responsabile regionale in Sicilia della CO.RE.IS. Comunità Religiosa Islamica Italiana, quando al telefono gli si chiede un commento su quanto successo in queste ore in mare con la nave Acquarius, dopo la querelle tra Italia e Malta per far attraccare il natante, le prese di posizione del ministro dell’Interno Matteo Salvini e la disponibilità manifestata dalla Spagna ad accogliere i migranti che erano a bordo. Dispoto, però, non vuole entrare nel merito della questione politica: “A prescindere da quello che ha detto o fatto il ministro Salvini, per noi i migranti e gli uomini sono un’unica razza, la razza umana. Non possiamo farne una questione di razze diverse, non è in questione per noi l’accoglienza o meno. Per noi è un dovere umano sostenere, accogliere e sfamare i nostri fratelli, da qualunque parte vengano e di qualunque colore siano e se fedeli di qualunque religione”.

A questo punto l’imam lambisce una questione politica: “Lascio ai governanti il compito di sapere gestire al meglio questo fenomeno, che non è facilmente governabile. Comprendo le difficoltà – conclude -, auspico che i nostri politici siano più illuminati nel sapere trovare la misura per garantire ogni essere umano e accoglienza e rifugio nella gestione attenta delle proprie competenze”.