Bilancio consolidato, maggioranza nel caos a Sala delle Lapidi. Lunedì Orlando partecipa alla riunione dei capigruppo

Fumata nera al Consiglio comunale di Palermo per l’approvazione del bilancio consolidato, con una maggioranza sempre meno coesa e le opposizioni al sindaco Leoluca Orlando che restano in aula e garantiscono il numero legale per approvare alcuni debiti fuori bilancio. In aula era presente l’assessore al Bilancio Antonino Gentile, visibilmente contrariato per la mancata approvazione degli emendamenti al Consolidato, predisposti in seguito alla relazione sui disallineamenti di Amat e Rap nel consolidato.

Le forze di opposizione puntano l’indice contro i partiti che sostengono Leoluca Orlando a Sala delle Lapidi. Dopo Fabrizio Ferrandelli e Cesare Mattaliano de I Coraggiosi, adesso è il consigliere Andrea Mineo di Forza Italia a sottolineare come “si registra ancora una volta la cronica carenza della maggioranza su un atto così importante. Il governo cittadino, rappresentato dall’assessore, non è stato in grado di fornire chiarimenti né supporto – dice ancora il consigliere di Forza Italia – Se non fosse stato per il provvidenziale intervento delle minoranze la deliberazione dei debiti fuori bilancio non sarebbe approdata a nulla”.

Il sindaco Leoluca Orlando ha provato a uscire dall’impasse e ha fatto sapere che lunedì parteciperà alla riunione dei capigruppo, convocata per tentare di sbloccare la situazione in Consiglio: “Al termine di una giornata nella quale abbiamo visto e sentito tutto e il contrario di tutto da parte della maggioranza, registriamo con favore la volontà del Primo cittadino di incontrare i capigruppo nella giornata di lunedì – è il commento di Mineo – e speriamo di approdare quanto prima alla seduta conclusiva della sessione inerente al bilancio consolidato. La città non può più attendere“.