Piazza Armerina, fabbro ucciso a coltellate dopo lite di lavoro

È morto dissanguato in ospedale, dopo essere stato accoltellato a Piazza Armerina a causa di alcuni dissidi in campo lavorativo. La vittima è un uomo di 44 anni, Enrico Coco, appartenente a una famiglia di fabbri da più generazioni. Fermato con l’accusa di omicidio un operaio di 52 anniMario Grillo, che dopo essere stato sottoposto a fermo è stato trasferito nel carcere di Enna. Nella notte è stato interrogato, ma sembrerebbe essersi avvalso della facoltà di non rispondere.

Stando a una prima ricostruzione dei fatti, ieri la vittima e Grillo si sarebbero incontrati nei pressi della Chiesa di San Martino per discutere di alcuni lavori affidati Coco. In pratica, l’uomo doveva sistemare gli infissi dell’abitazione del figlio di Grillo da alcuni mesi. Visto il ritardo, Grillo si è inferocito e gli ha sferrato una coltellata, colpendolo nella coscia e finendo per recidere mortalmente l’aorta femorale della vittima, che si è accasciata in una pozza di sangue davanti al fratello e altri passanti.


Widget not in any sidebars