Giornata Mondiale senza Tabacco: ma ogni anno le sigarette uccidono 7 milioni di persone

Oggi è la Giornata Mondiale senza Tabacco, che con lo slogan “Dai, spegnila – #notobacco” invita tutti i fumatori ad astenersi dal consumo almeno per un giorno. Un gesto simbolico per salvaguardare la salute, visto che, secondo le cifre fornite dall’Oms (Organizzazione Mondiale della Salute), le sigarette uccidono ogni anno quasi 7 milioni di persone nel mondo, tra cui un milione per le conseguenze del fumo passivo.

Una cifra mostruosa, anche considerando come negli ultimi anni ci sia stata una netta riduzione dei fumatori, passati dal 27% della popolazione mondiale del 2000 al 20% della popolazione mondiale nel 2016. Purtroppo ci sono anche altri dati negativi: nel mondo più di 24 milioni di ragazzi tra i 13 e i 15 anni fumano, mentre in Italia fuma una persona su quattro.

La Giornata Mondiale senza Tabacco ha lo scopo di incoraggiare le persone ad astenersi per almeno un giorno dal consumo di tabacco, ma l’obiettivo è riuscire a convincere le persone a smettere di fumare definitivamente. “Dobbiamo superare gli ostacoli – ha detto all’Ansa Svetlana Axelrod dell’Oms – e implementare misure come la tassazione, lo stop alla pubblicità e l’adozione dei pacchetti ‘generici’. La nostra migliore chance di successo è attraverso l’unità globale e una forte azione multisettoriale contro l’industria del tabacco”