La Rena di Catania, primo accordo con Auchan per salvare i dipendenti. La Uiltucs: “Ipotesi positiva, ma serve soluzione per tutti”

È stato sottoscritto nella tarda serata di ieri l’ipotesi di accordo sindacale con Auchan spa per la ricollocazione dei 101 lavoratori dell’ipermercato La Rena di Catania. Le soluzioni individuate sono sostanzialmente di tre tipi: la ricollocazione all’interno del perimetro del gruppo Auchan per circa il 55% dei dipendenti, politiche attive con il coinvolgimento di primarie aziende presenti nel territorio catanese attraverso l’utilizzo di un importante “dote occupazionale” resa disponibile da Auchan, esodi incentivati.

L’ipotesi di accordo inoltre si caratterizza per la previsione di un’importante clausola di salvaguardia occupazionale, della durata di 24 mesi, da attivare nel caso in cui nuovi operatori commerciali dovessero insediarsi presso la struttura di San Giuseppe La Rena.
Il documento sottoscritto sarà oggetto di valutazione da parte del ministero dello Sviluppo economico nella riunione già fissata per domani, 30 maggio, a Roma, e successivamente sarà sottoposto al vaglio dei lavoratori per l’approvazione definitiva.

I segretari generali Uiltucs Sicilia e Uiltucs Catania, Marianna Flauto e Giovanni Casa, valutano “nel complesso positivamente l’ipotesi di accordo ma continuerà l’impegno nel tentativo di coinvolgere altre aziende del Gruppo con l’obiettivo di trovare una soluzione per tutti i lavoratori coinvolti”.