Castelvetrano, Legambiente: “Ci vogliono le ruspe sul lungomare di Triscina”

Impediremo qualunque tentativo di sanatorie più o meno mascherate. Chiediamo allo Stato di essere presente e pretendiamo il primo colpo di ruspa a Triscina“. Lo sostiene Legambiente Sicilia in una nota nella quale evidenzia anche che: “Nulla è stato fatto dalle amministrazioni comunali succedutesi dagli anni ’70 a oggi, nessun atto amministrativo risolutivo da parte dei dirigenti degli Uffici comunali che in oltre 40 anni hanno visto innalzarsi una vera e propria città, oltre 400 ettari di costruzioni affastellate senza alcuna regola che non fosse quella della “libera occupazione”. Tutto ciò nella completa assenza dell’amministrazione regionale”.

Legambiente Sicilia si dice infine “preoccupata dai tentativi maldestri e giustificazionisti dell’abusivismo che albergano presso l’Assessorato regionale Territorio e ambiente“.