Greco (Confintesa): “Stop Inps ai pagamenti di Asu e Pip ultima grande beffa del Governo Regionale”

“Una vicenda che si trascina già da diverso tempo tanto è vero che l’Inps già lo scorso novembre con una nota aveva comunicato alla Regione che dal 1 aprile avrebbe interrotto il servizio. Ed in questi mesi la Regione Siciliana, invece di adoperarsi e trovare soluzioni anche alternative, è rimasta in ‘dolce letargo’. Non è assolutamente possibile continuare a mortificare onesti lavoratori che a fronte di un irrisorio sussidio svolgono funzioni irrinunciabili per le attività sociali dell’isola”, dichiara il Coordinatore Provinciale Confintesa per i Precari, Rosario Greco, in merito alla sospensione definitiva da parte dell’Inps, a decorrere da giugno, del servizio di erogazione degli assegni per Asu e Pip, con nota del 18 maggio 2015 dalla Direzione Regionale dell’Inps che “denuncia l’insuccesso delle interlocuzioni con la Regione Siciliana volte a trovare una soluzione alla forte esposizione debitoria maturata dalla regione siciliana verso l’istituto previdenziale”.

Tutta la politica abbia il buon senso di capire che ormai la stagione dei ‘sussidi’ e delle ‘elemosine’ deve finire attivandosi seriamente e con senso di responsabilità affinché a questi lavoratori venga riconosciuta, dopo oltre vent’anni, una dignità lavorativa che può avvenire solo ed esclusivamente attraverso un processo di stabilizzazione”, conclude il coordinatore provinciale di Confintesa Rosario Greco.


Widget not in any sidebars