“Open! Studi aperti”. Creatività e design artigianale di scena a Palermo

Anche a Palermo domani si svolgerà “Open! Studi aperti”, la manifestazione che unirà tutti gli studi italiani in un unico grande evento diffuso sul territorio nazionale. “Istud design” aprirà le porte al pubblico venerdì 18 maggio dalle ore 16.30 alle ore 20.00 in via Mariano Stabile 213.

Istud DesignLa manifestazione nazionale è promossa dal Consiglio Nazionale Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (CNAPPC) e a Palermo sarà dedicata all’idea creativa del “re-Design”, ovvero il design artigianale inteso come ricerca di nuove funzioni e funzionalità degli oggetti.
Il design artigianale è inteso da “Istud design” come vero percorso di rispetto dell’ambiente. L’utilizzo di materiali già esistenti, infatti, permette di evitare lo spreco di elementi naturali, contribuendo all’abbattimento dell’emissioni gassose nell’atmosfera.

Secondo Salvatore Palmeri e Anna Yudina, “l’idea di re-Design è cura e rispetto dell’ambiente, unito alla creatività progettuale”, in sintesi riuso creativo. “Come Istud design ci piace pensare che ogni oggetto possa prendere nuova vita. Spesso cerchiamo tra gli oggetti di antiquariato o modernariato, per reinventarne nuove funzionalità. Un comò così può diventare un mobile da bagno, una porta una testiera di un letto, una vetrina un mobile porta tv”.

L’organizzazione di “Open!” a livello nazionale è curata dal dipartimento Cultura, promozione della cultura architettonica e della figura dell’architetto del Cnappc, mentre a livello territoriale il coordinamento è affidato al consigliere dell’Ordine Sebastian Carlo Greco. «È significativo – ha affermato il consigliere – vedere il coinvolgimento di professionalità diverse: grandi e piccoli studi, architetti di fama mondiale e giovani professionisti che iniziano la loro carriera, uniti in una grande azione di testimonianza della funzione sociale dell’architettura».

L’elenco degli studi che hanno aderito in tutta Italia, per provincia.


Widget not in any sidebars