Caccamo, ragazza di 14 anni cade dal tetto di un magazzino: dichiarata la morte celebrale

Non ce l’ha fatta Sarah Indorante, la ragazzina di 14 anni che due giorni fa è caduta dal tetto di un magazzino in via Del Carmine a Caccamo, in provincia di Palermo. Ricoverata al reparto rianimazione del Civico, questa mattina ne è stata dichiarata la morte celebrale.

La giovane sarebbe salita sul tetto mentre tentava di recuperare un pallone. Una copertura di plexiglas si sarebbe sbriciolata sotto il suo peso, facendola cadere da un’altezza di circa 10 metri. Trasportata d’urgenza all’ospedale Cimino di Termini Imerese era stata poi trasferita al reparto Rianimazione del Civico di Palermo. Sulla vicenda indagano i Carabinieri.

Il sindaco di Caccamo Nicasio Di Cola, con un’ordinanza, ha proclamato tre giorni di lutto cittadino. “Apprese le tragiche notizie della prematura scomparsa delle giovani Sarah Indorante e Rossana Carollo l’Amministrazione Comunale esprime i sentimenti di più profondo dolore e cordoglio nei confronti dei genitori e dei familiari tutti. A loro va la nostra vicinanza in un momento di così profondo e inaccettabile dolore che ci lascia turbati nelll’incapacità di accettare un destino tanto infausto e crudele. La famiglia Indorante con un gesto di estrema generosità e amore nei confronti della vita ha consentito alla donazione degli organi. Sarah, così, continuerà a vivere in altre persone a cui ha salvato la vita. Nell’interpretare il sentimento di sincera commozione e di vicinanza dell’intera comunità caccamese sono stati proclamati tre giorni di lutto cittadino a decorrere da oggi”.