Arcigay il 22 maggio compie 37 anni a Palermo

Una data importante per Palermo e per tutta l’Italia: Arcigay è la più grande associazione LGBT italiana, una delle più grandi d’Europa ed è nata a Palermo il 22 maggio del 1981.

Protagonista dei cambiamenti nella società e nella vita quotidiana delle persone LGBT, nel bene e nel male, Arcigay Palermo viene costituita con un atto notarile dopo mesi di esistenza come associazione fondata da Gino Campanella e Massimo Milani (attualmente membri del Collegio dei Garanti) e Vincenzo Scimonelli.

Solo nel 1985 diventava un’associazione nazionale: fino a quel momento “Arci Gay” rimaneva una emanazione della Commissione Nazionale Diritti Civili dell’ARCI. anni in cui le cose erano molto diverse e non era facile dichiararsi omosessuali né essere attivisti gay. l’Italia era una terra differente da oggi, Palermo di più.

“37 anni sono passati da quella mattina del 22 maggio 1981, quando un gruppo di giovani checche favolose, palermitane e non, si recarono dal notaio Marsala in via Principe di Belmonte a Palermo a depositare il primo statuto del primo circolo Arcigay di Palermo e d’Italia in assoluto – racconta Massimo Milani – non eravamo certo consapevoli che quel giorno sarebbe stato una data storica per il movimento “omosessuale” italiano e per Palermo. Era nata la più grande e longeva associazione lgbtqi italiana che, finalmente per la prima volta, abbatteva un muro storico e poneva fine alla ostilità della sinistra tradizionale nei confronti dei diritti civili lgbtqi. È con grande orgoglio e gioia favolosissima che io, insieme al mio compagno di vita Gino, parteciperemo alla festa per il 37esimo compleanno del caro.amico Arcigay. Ci saremo anche in rappresentanza dei nostri cari compagni in quella straordinaria avventura che non potranno essere presenti».

Promotore dell’Arci Gay era il prete cattolico Don Marco Bisceglia, noto soprattutto come animatore insieme a Don Mazzi, delle comunità di base. La prima importante riunione nazionale dell’Arci Gay avviene a Palermo nel 1982 alla presenza dei dirigenti nazionali dell’Arci: questa riunione viene considerata a tutt’oggi come il primo congresso nazionale dell’Associazione. Nel 1984 si apre la discussione nel movimento sulla necessità di costruire e rafforzare una significativa presenza nazionale.

Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay, commenta: “Riteniamo che il valore di Arcigay, la sua storia e i suoi raggiungimenti, siano un valore per la città e per la cittadinanza ​​che si riconosce negli ideali di libertà e uguaglianza”.

Arcigay Palermo è attiva sul territorio: fornisce alla comunità LGBTQI servizi di socializzazione ed accoglienza, counseling e supporto psicologico, consulenza legale e consulenza medica. I volontari si occupano di promuovere la cultura LGBTQI, di promuovere la sessualità consapevole e protetta dalle malattie a trasmissione sessuale, di promuovere e realizzare incontri nelle scuole e nelle università, di celebrare e ricordare le ricorrenze e le feste della comunità, di fare pressione nei confronti dell’Amministrazione Pubblica, delle associazioni e dei partiti, etc.

L’associazione gestisce ‘La migration‘, sportello rivolto ai migranti LGBTQI e collabora con le altre associazioni LGBT presenti nel territorio oltre che con Agedo. Nel 2016 ha vinto il finanziamento del pionieristico progetto di sensibilizzazione e prevenzione “Preven-Go”: per la prima volta i test rapidi combo per Hiv, Epatite C e Infezioni sessualmente trasmissibili vengono fatti gratuitamente e su oltre 5mila persone grazie un camper medico ideato appositamente che gira per le province di Palermo, Trapani e Agrigento.

Arcigay ha contribuito a fondare il Coordinamento Stop Omofobia ed il Coordinamento Palermo Pride ed ha contribuito in modo determinante ad organizzare il Sicilia Pride 2010 (il primo Pride mai realizzato in città) e i Palermo Pride degli anni a venire. L’associazione è membro del Coordinamento Antirazzista Nourredine Adnane. L’associazione non aderisce a nessun partito e si pone nei confronti della politica come interlocutore e promotore di diritti civili e di cittadinanza.

Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto
Usb, manifestazione stop glifosato

Stop glifosato, tavolo di coordinamento all’Ars. Usb: “Stop pesticidi. Diritto alla sovranità alimentare”

Venerdì 11 gennaio alle ore 10:30 in Assemblea Regionale Siciliana, nella Sala Rossa “Pio La Torre”, il tavolo di coordinamento Stop glyphosate La Federazione del Sociale USB Catania, insieme agli altri firmatari del manifesto "StopGlifosato", parteciperà, presso  l'Assemblea regionale siciliana, ...
Leggi Tutto