Almaviva, Barbagallo a Palermo: “Basta appalti al massimo ribasso, governo faccia applicare il contratto nazionale”

La crisi dei call center tiene banco a Palermo, dove è intervenuto il segretario nazionale della Uil Carmelo Barbagallo. In particolare, la questione nel capoluogo siciliano è legata ad Almaviva, l’azienda che di recente ha annunciato di voler effettuare la cessione di ramo d’azienda call center a un’altra compagnia, una new co controllata dalla ‘casa madre’.

“Le aziende committenti continuano a fare appalti al massimo ribasso e quindi non ci sono le condizioni per poter sostenere i call center di questa dimensione. Allora serve che il governo imponga alle committenti di fare appalti considerando che c’è un contratto nazionale da rispettare”, ha dichiarato il segretario nazionale della Uil a Palermo.

La vertenza Almaviva vede oltre 3 mila lavoratori nel capoluogo siciliano, incerti sul loro futuro dopo l’annuncio dell’impresa di volere cedere il ramo d’azienda palermitano.