Bilancio del Comune di Palermo, il M5S chiede il predissesto. Forello: “Rischio fallimento”

Il gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle di Palermo ha illustrato oggi, nel corso di una conferenza stampa, la situazione di profonda crisi economico-finanziaria che attraversa il Comune di Palermo. “Tutti gli indicatori in nostro possesso – ha dichiarato il capogruppo dei Cinquestelle, Ugo Forello – dal ricorso ormai ordinario all’indebitamento, al ritardo dei pagamenti, dall’imponente mole e valore del contenzioso contro il Comune alla crisi delle società partecipate e al fenomeno (sempre crescente) del disallineamento, dalla ridotta capacità di riscossione ai parametri di deficitarietà strutturale, ci conducono ad una sola conclusione: Palermo rischia il fallimento”.

A questo complesso quadro si aggiungono inoltre le recenti osservazioni della Corte dei Conti con le quali si evidenziano possibili anomalie, criticità e irregolarità nei bilanci consuntivi del Comune di Palermo e i pesanti rilievi amministrativo-contabili dell’Ispettorato di finanza del MEF ai quali ancora non si è posto rimedio.

“Il sindaco – prosegue il capogruppo pentastellato – invece di continuare a fare passerelle in diverse zone della città, promettendo roboanti opere e interventi di manutenzione à gogo, ha l’obbligo giuridico e morale di riconosce e affrontare lo stato di crisi. Non è accettabile che continui a ripetere la menzogna che tutto va bene mentre la nave affonda”.

Vista la situazione, per il M5S Palermo diventa fondamentale importanza agire con senso di responsabilità, scrupolo e attenzione, nell’interesse della città di Palermo che oggi rischia il collasso.
“È necessario un processo di reale cambiamento attraverso il risanamento dell’amministrazione comunale – ha concluso Forello – Per questo richiediamo di valutare d’urgenza la possibilità di redigere, in tempi brevissimi, un piano anti-dissesto e di avviare le procedure di predissesto”.


Widget not in any sidebars