Palermo, al via domani Ballarò Espò. Ecco tutti gli appuntamenti

Sulla scia di Palermo Capitale italiana della Cultura 2018 e dopo il successo de La Via dei Librai, arriva un altro appuntamento importante nel calendario di Ballarò significa Palermo, il progetto di promozione territoriale nato nel 2013 grazie al Comitato ‘Ballarò significa Palermo’ (Ars Nova, Italia Nostra-Palermo, Kleis, Culturae, Insieme per la Cultura), che anche quest’anno organizza la manifestazione insieme con il Comune di Palermo. Da domani fino a domenica 13 maggio, infatti, sarà la volta di Ballarò Espò – Il villaggio dell’intercultura, i prodotti delle diverse tradizioni culturali esistenti in città, nelle vie del mercato storico palermitano e al Cassaro.

L’iniziativa è organizzata con ‘Terradamare’ cooperativa turistica, Associazione ‘Mercato Storico Ballarò’, assemblea ‘SOS Ballarò, in collaborazione, tra gli altri, con il Consolato Generale degli Stati Uniti a Napoli. Uno degli appuntamenti più attesi, infatti, è il ritorno a Palermo di Mary Sue Milliken, la chef californiana affascinata dal quartiere Ballarò che, venerdì 4 maggio, terrà una serie di incontri, workshop e visite culturali.

Ma non è tutto. Nel secondo week end Ballarò Espò si incrocerà con un’altra iniziativa: ‘I classici in strada’ – la città, le scuole, le letture partecipate dei classici tra Via Vittorio Emanuele, Ballarò e le vie di Palermo. Sabato 12 maggio l’itinerario tra i luoghi del Cassaro e di Ballarò avverrà dalle ore 10 alle ore 13. Tutto si concluderà domenica 13 maggio, proprio nella Giornata nazionale di Italia Nostra per i Beni Comuni, il cui scopo è promuovere la valorizzazione di ambienti urbani degradati e diffondere la cultura della tutela.

Sono due i punti importanti di questa giornata. Il restauro de ‘Il trionfo di Davide’, l’opera di Pietro Novelli riaffiorata nel 2011 all’interno della chiesa di San Giovanni all’Origlione. Durante i mesi di maggio e giugno Italia Nostra Palermo attiverà una raccolta fondi online tramite una piattaforma di crowdfunding, per sostenere i costi del restauro dell’opera. E poi ‘Palermo, spazio ai fiori’, concorso di allestimento con fiori e piante ornamentali di balconi, davanzali, scale, piazze, strade di Palermo e in particolare della Prima Circoscrizione comunale. Due le categorie: residenti ed esercenti. L’iscrizione dovrà essere effettuata entro il prossimo 7 maggio e gli allestimenti dovranno essere completati entro e non oltre l’11 maggio. Partecipare è gratuito. Il modulo per l’iscrizione è scaricabile dal sito www.italianostrapa.it o negli info point turistici o negli esercizi commerciali aderenti all’Associazione ‘Cassaro Alto’, in via Vittorio Emanuele. La premiazione avverrà il 13 maggio.

Al progetto Ballarò significa Palermo hanno aderito: Associazione Cassaro Alto, Association francophone de Sicile, Assemblea SOS Ballarò, Terradamare cooperativa turistica, Associazione Mercato storico Ballarò, Elementi, Il giardino delle idee, Associazione via Maqueda città, Progetto Albergheria e Capo insieme, Teatro Atlante, CIDI (Centro iniziativa democratica insegnanti), ALAB (Associazione di artisti e artigiani).

Per visionare il programma completo della manifestazione, è possibile consultare il sito ad essa dedicato.