Condanne confermate per sei mafiosi corleonesi, 15 anni a Rosario Lo Bue

Confermate dalla Corte d’Appello di Palermo le condanne inflitte in primo grado a sei mafiosi corleonesi, finiti a processo in seguito a un’indagine, coordinata dalla Dda del capoluogo siciliano e condotta dai Carabinieri di Corleone e Monreale, che ha colpito il mandamento mafioso corleonese e le famiglie di Chiusa Sclafani e Palazzo Adriano consentendo di ricostruire sia gli assetti di vertice dei clan che i rapporti con le ‘famiglie’ vicine.

Inflitti a Rosario Lo Bue, capomafia di Corleone che ha preso il posto di Totò Riina, 15 anni, 6 anni e 8 mesi a Pietro Pollichino, 9 anni e 8 mesi a Vincenzo Pellitteri, pena lievamente ridotta rispetto al primo grado. Inoltre, inflitti 8 anni e 8 mesi a Salvatore Pellitteri, 43 anni, mentre 9 a Roberto Pellitteri e Salvatore Pellitteri di 26 anni.