Palermo, una domenica mediorientale: i riti religiosi occupano il centro storico – VIDEO

Il centro storico della Capitale della Cultura si trasforma, per una domenica, nel più bigotto passìo di un qualsiasi centro dell’entroterra siculo anni ’50. L’asse principale che dal Politeama porta a piazza Massimo viene occupato da una sontuosa processione con tanto di vara con il santo, banda e vessillo dei vigili urbani a sottolineare la complicità del Comune di Palermo; piazza Verdi ospita, invece, l’orazione di un gruppo catecumenale.

Ha ragione Orlando, ieri Palermo sembrava davvero una città mediorientale, nella meno nobile interpretazione, con i riti religiosi portati in piazza e imposti ad onta di ogni forma di rispetto per chi crede in altro o non crede affatto. Uno schiaffo al laicismo e una allisciatina a quel mondo dell’ortodossia cattolica che ai suoi riti tradizionali non intende rinunciare, né intende rinunciare ad imporli proprio nel cuore della città, con la compiacenza di chi ne autorizza il percorso.