L’omicidio La Torre 36 anni dopo: storia di un’ammazzatina facile facile

Ci sono omicidi eccellenti nella storia di Palermo e d’Italia che fanno impressione per la facilità con cui sono stati commessi. Se pensi alla strage di Capaci o a via D’Amelio, capisci che lì la mafia (e forse non solo) deve essersi veramente impegnata. I pedinamenti, il tritolo, le necessarie coperture logistiche, gli appostamenti, insomma omicidi travagghiati.

Poi ci sono i casi come quello di Pio La Torre, uno che la mafia la sfidava ogni giorno, dai banchi del Parlamento a suon di leggi e da Corso Calatafimi quando ancora esisteva la grande casa comunista. Uno che la mafia ha impiegato poco a toglierselo di mezzo, giusto il prezzo di un killer che allora era anche a buon mercato. Un’ammazzatina facile facile.

Era il periodo in cui l’impotenza i siciliani onesti se la sentivano addosso, come se lo Stato, quello con la esse maiuscola che in Sicilia non cercava compromessi, fosse l’azionista di minoranza nella lotta al suo nemico pubblico numero 1. La Torre era un uomo di partito, sceso di nuovo in Sicilia per dare forza a quel Pci che il suo no alla mafia voleva dirlo a voce alta. Un partito che lo aveva chiamato per alzare le barricate e tenere a bada le tentazioni del mortale abbraccio con la Dc di cui taluni esponenti locali erano fautori sotto traccia.

La Torre finì come finì il 30 aprile del 1982, cinque mesi prima di Carlo Alberto Dalla Chiesa. Il sindacalista rosso e il generale, la stessa missione apparentemente lasciata a metà, il destino identico di chi allora pagava con la vita solitudine, isolamento e la distrazione dello Stato. Quello che la esse maiuscola non sapeva cosa fosse.

Jose Marano

Made in Sicily, la tecnologia Blockchain un’incredibile opportunità

La deputata Ars Jose Marano, firmataria di una proposta di legge sulla tracciabilità agroalimentare attraverso la Blockchain, martedì 13 novembre a Milano all’evento organizzato da Davide Casaleggio B2B sul futuro digitale del business tra aziende: come la Blockchain rivoluzionerà il ...
Leggi Tutto
Il Golfo di Mondello, Palermo

A Genova il convegno nazionale Unicom sul marketing della destinazione

I Travel Marketing Days, in programma a Genova dal 22 al 25 novembre, con l’organizzazione di Studiowiki e la direzione scientifica di Roberta Milanosono, un evento che ha come tema principale il marketing del turismo, ogni anno declinato su differenti ...
Leggi Tutto
FullTimeSubito incontra ministro Villarosa

Comitato lavoratori postali: “Felici per crescita Poste Italiane. Fondamentali impegno, professionalità e sacrifici dei lavoratori”


Nato in Sicilia a giugno dopo che azienda e sindacati hanno sottoscritto un discusso accordo sulle politiche attive del lavoro, il comitato "#FullTimeSubito per i lavoratori postali" è diventato promotore di un grande movimento di protesta che sta iniziando a ...
Leggi Tutto
cantieri

Tutti i cantieri edili siciliani, domani si fermeranno in memoria delle vittime del maltempo nell’Isola

Morte per incuria, per il mancato rispetto delle regole e per la lentezza nella messa in sicurezza del territorio. Cgil, Cisl e Uil: “Far partire subito i cantieri per la prevenzione del rischio idrogeologico e quelli per le infrastrutture siciliane” ...
Leggi Tutto