Lettera aperta all’assessore al traffico del Comune di Palermo

Cara assessora (si dice così?) al traffico del Comune di Palermo,
Le scrivo perché non avrei mai pensato di rimpiangere, nemmeno per un momento, il suo ultimo predecessore. Però così sta accadendo, benché molte cose mi facciano presumere che anche con quello di prima si sarebbe prodotta questa nefandezza.
Di cosa parlo? Ma di queste splendide iniziative per il primo maggio, che, complice il calendario, a Piazza Magione sono iniziate già da sabato 28.
Non entro nel merito del programma, benché il numero di stand e il gruppo musicale presente ieri, mi lascino perplesso. Ma non è questo il punto: lo spiegamento di polizia, vigili urbani e affini, le limitazioni alla circolazione e, soprattutto, al parcheggio in tutta la zona sommano incapacità e perfidia.
Si, perché solo una mente cattiva poteva immaginare quattro-giorni-quattro di chiusura totale, residenti compresi, in un perimetro assai più ampio di quello della piazza.
Ma secondo lei la gente come dovrebbe andare a vedere queste splendide iniziative?
Con la mongolfiera, calandosi con una fune? Su questo l’ordinanza non è chiarissima ma temo che nessun vigile si prenderebbe la responsabilità di farli atterrare.
Il suo predecessore avrebbe criticato questa dipendenza da automobile, invitando a prendere i mezzi pubblici, che, come si sa, da noi dopo le 20 sono frequenti e puntuali. Mi auguro che lei si esima, non è bello prendere in giro i cittadini.
[ Leggi tutto ]