Lampedusa, disposto il sequestro dell’impianto di depurazione

Impianti non funzionanti e livelli di inquinamento da batteri fecali 10 mila volta superiori ai limiti di legge: disposto dalla Procura di Agrigento il sequestro dell’impianto di depurazione del Comune di Lampedusa e protezione delle acque. Inoltre, i magistati hanno notificato 13 avvisi di garanzia e sequestrato 600 tonnellate di materiali. Si tratta del risultato di alcuni accertamenti effettuati da parte della Procura di Agrigento. A rendere noto il provvedimento è stato il procuratore Luigi Patronaggio.


Widget not in any sidebars