Premio Mario e Giuseppe Francese a Daphne Caruana Galizia. Tutti gli altri riconoscimenti

Un premio alla memoria, al coraggio e al fiuto di una cronista di razza. È Daphne Caruana Galizia la vincitrice dell’edizione 2018, la ventunesima, del premio giornalistico nazionale intitolato a Mario e Giuseppe Francese e organizzato dall’Ordine dei giornalisti di Sicilia. La cerimonia del premio, intitolato al cronista del Giornale di Sicilia ucciso dalla mafia il 26 gennaio 1979 e suo figlio, si svolgerà mercoledì 2 maggio, nell’aula magna del liceo classico “Vittorio Emanuele II” di Palermo. Il titolo della manifestazione sarà “Libertà di stampa sotto attacco”.
Daphne Caruana Galizia, giornalista maltese è rimasta uccisa a 53 anni, lo scorso 16 ottobre, nell’esplosione di un’autobomba vicino casa. Due settimane prima del suo omicidio, aveva presentato una denuncia alla polizia per avere ricevuto minacce. Giornalista investigativa nella sua Malta, Daphne Caruana Galizia aveva condotto una serie di indagini di alto profilo sul tema della corruzione. A causa del suo lavoro, in febbraio le erano stati congelati i beni su richiesta del ministro dell’Economia Chris Cardona. Ad agosto il leader dell’opposizione Adrian Delia le aveva fatto causa per degli articoli che lo collegavano a conti offshore per un milione di euro, frutto di un presunto giro di prostituzione in alcuni appartamenti a Londra. Nel mirino della cronista erano finiti i conti offshore del primo ministro Muscat e di sua moglie Michelle, rivelati dai Panama Papers. Un giornalista scomoda, Daphe Caruana Galizia, al cui lavoro la commissione del Premio Francese, presieduta dallo scrittore e caporedattore del Tg5 Gaetano Savatteri, rende merito con un premio postumo, che sarà ritirato a Palermo dalla sorella Corinne Vella.
Il riconoscimento a Daphne Caruana Galizia non sarà il solo a essere consegnato mercoledì 2 maggio. Il premio “Giuseppe Francese”, riservato a un giornalista Under 36 (l’età del figlio di Mario Francese quando morì), è stato assegnato a Elia Minari, fondatore e coordinatore della web-tv www.cortocircuito.re.it, che da anni, da quando Minari era solo un liceale, documenta fatti scomodi, legati alla criminalità organizzata in Emilia, attraverso videoinchieste e reportage: l’opera di Corto Circuito ha squarciato un velo sulle trame criminali di una cosca della ‘ndrangheta al nord, svelando anche intrecci con imprenditori, amministrazioni ed enti deputati ai lavori pubblici.
Quattro riconoscimenti speciali, nell’ambito del premio Francese, sono stati assegnati ad altrettanti giornalisti siciliani, Sandra Figliuolo de “Il Giornale di Sicilia”, Antonio Fraschilla de “La Repubblica”, Luigi Perollo, direttore del TgMed, e Fulvio Viviano, volto di SktTg24 in Sicilia.
Nel quarantesimo anniversario dell’omicidio mafioso di Peppino Impastato, un premio speciale andrà anche a suo fratello, Giovanni Impastato, che ha coltivato la memoria di Peppino, continuandone a testimoniare coraggio e lavoro, in una battaglia che prosegue ancora oggi.
Gli studenti saranno protagonisti della manifestazione, presentata quest’anno dai giornalisti Roberto Leone e Marina Turco. La sezione Scuole del premio – coordinata dal giornalista Andrea Tuttoilmondo – ha visto protagoniste otto scuole siciliane (tra Palermo, Corleone e Siracusa), che hanno raccontato storie di riscatto sociale, attraverso articoli, video, reportage fotografici, inchieste, e la commissione esaminatrice ha individuato i lavori di maggior valore giornalistico. La commissione esaminatrice della sezione Scuole del premio, composta dai giornalisti Maria Pia Farinella, Lidia Tilotta, Alessandra Turrisi e Tano Gullo ha deciso di assegnare il premio agli studenti di tre istituti palermitani, il liceo classico “Vittorio Emanuele II”, lo scientifico “Benedetto Croce” e il classico internazionale “Giovanni Meli”. È stata assegnata anche una menzione speciale al liceo Don Bosco Ranchibile.
Nel corso della manifestazione ci sarà spazio anche per l’evento formativo per giornalisti “Libertà di stampa sotto attacco” (3 crediti), i cui relatori saranno i giornalisti Felice Cavallaro, Gaetano Savatteri, Salvatore Cusimano, Giuliano Foschini, Franco Nicastro, Riccardo Arena e Giulio Francese, presidente dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia. Un momento di grande attualità, in un periodo particolarmente difficile per la libertà di stampa, in Italia e nel mondo, a cominciare dai recentissimi episodi di intimidazione ai danni di due colleghi che vivono sotto scorta, Federica Angeli di “Repubblica” (componente della commissione del premio Francese) e Paolo Borrometi, direttore del sito laspia.it..

Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto
Usb, manifestazione stop glifosato

Stop glifosato, tavolo di coordinamento all’Ars. Usb: “Stop pesticidi. Diritto alla sovranità alimentare”

Venerdì 11 gennaio alle ore 10:30 in Assemblea Regionale Siciliana, nella Sala Rossa “Pio La Torre”, il tavolo di coordinamento Stop glyphosate La Federazione del Sociale USB Catania, insieme agli altri firmatari del manifesto "StopGlifosato", parteciperà, presso  l'Assemblea regionale siciliana, ...
Leggi Tutto