Vertenza Auchan La Rena, l’Ugl dopo l’incontro con l’azienda: “Poco chiari i criteri, siamo preoccupati”

“Come Ugl terziario continuiamo a nutrire numerose perplessità in ordine ai criteri che verranno adottati per la ricollocazione dei 58 lavoratori del punto vendita Auchan di San Giuseppe La Rena, nei posti che l’azienda ha già individuato, ma siamo anche molto preoccupati per la sorte dei rimanenti 50 dipendenti che non troveranno collocazione visto che ad oggi non vi è alcuna proposta, mentre siamo allarmati per coloro che stanno lavorando nell’indotto della galleria che rischia anch’essa di chiudere non avendo più il suo supermercato.” Lo dicono a chiare lettere il segretario provinciale della Ugl terziario, Carmelo Catalano, e il suo vice, Vito Tringale, che ieri sono intervenuti all’incontro sindacale con l’azienda e che oggi hanno partecipato alla visita di Matteo Salvini nel centro commerciale.

“Abbiamo apprezzato l’iniziativa del leader della Lega che ci auguriamo – aggiungono Catalano e Tringale – serva da sprone affinchè nessuno dei 108 lavoratori rimanga indietro e tutti possano tornare ad avere la loro dignità lavorativa. È stato l’unico a comprendere che siamo di fronte all’ennesimo caso che merita una ribalta nazionale, per far comprendere come il tema delle liberalizzazioni sia non secondario rispetto ai problemi occupazionali, come quello in atto a Catania, che può provocare nel futuro in un paese già dilaniato. Da parte nostra – concludono – non consentiremo che venga perso un solo posto di lavoro perché non ne possiamo più di pagare scelte scellerate di altri, frutto di una dissennata e mai razionale rincorsa al profitto”.


Widget not in any sidebars