Vaccini, M5S: “Necessario salvaguardare percorso educativo come a Roma con la Raggi”

Il consiglio comunale di Palermo ha approvato ieri sera un ordine del giorno per permettere ai bambini fino a 6 anni, non in regola con i vaccini, di terminare questo anno scolastico.

A tal proposito, il capogruppo del M5S di Palermo, Ugo Forello, in una nota dichiara: “Sul delicatissimo tema dei vaccini, anche a Palermo il MoVimento 5 Stelle ha pressato in Consiglio Comunale affinché si seguisse la strada del buonsenso già tracciata a Roma con la sindaca Virginia Raggi, salvaguardando il percorso educativo dei bambini e tutelando i loro diritti e quelli dei genitoriNessun bambino – prosegue Forello – venga escluso, non possiamo permettere che i nostri figli vengano penalizzati dalle lungaggini burocratiche di un decreto che ha portato confusione e attese senza fine a danno di tutti quei cittadini che loro malgrado si sono ritrovati in questa situazione”.

“I bambini vanno vaccinati come suggerisce la scienza e prescrive la legge. I bambini devono andare a scuola, lo impone l’etica e la vita civile. Soprattutto – dichiara il consigliere comunale pentastellato Igor Gelarda, uno dei promotori dell’ordine del giorno approvato – non possono pagare le scelte dei loro genitori, subendo la punizione, unico caso al mondo, di vedersi negato l’accesso a scuola”.

Il ringraziamento di Gelarda va a quei consiglieri che hanno deciso di firmare e votare “un ordine del giorno che impegna l’amministrazione comunale a schierarsi dalla parte dei bambini favorendo la loro frequenza scolastica. Come peraltro prevede la nostra Costituzione e la maggior parte delle convenzioni internazionali sottoscritte dall’Italia. La mozione – spiega ilo consigliere del M5S – ha raccolto oltre 20 firme, quindi la maggioranza del consiglio comunale, consiglieri appartenenti a tutti gli schieramenti politici. Circostanza che mi rende orgoglioso dei miei colleghi, dei quali riconosco la sensibilità dimostrata in questa occasione. Ringrazio infine l’associazione ‘Famiglie Palermo e provincia’ per avere evidenziato e segnalato la vicenda”.